Immagine Header

Abitare la foresta…a Torino!

Chi da bambino non ha mai sognato di vivere in una casa sull’albero? Chiunque probabilmente ha sempre desiderato farlo e magari i più fortunati hanno potuto costruirsi un piccolo impero su un albero in campagna. Ma quasi sicuramente nessuno si sarebbe mai immaginato di potere vedere nascere dei veri appartamenti tra gli alberi nella grigia e cementata Torino.

Questo sogno è la chiave che ha dato il via al progetto 25 verde in via Chiabrera 25 a pochi passi dal parco del Valentino e da corso Dante, costruito tra il 2007 e il 2012. Un intero isolato torinese è stato progettato dall’architetto Luciano Pia come una foresta che ospita al suo interno 63 appartamenti immersi in 150 alberi e un cortile composto da altri 40 alberi ad alto fusto e un piccolo stagno.

La struttura dell’edificio è subito evidente poiché è composta da pilastri in acciaio corten (un acciaio particolare che crea col tempo una patina di ruggine esterna che protegge il cuore del materiale e l’elemento assume un colore rossiccio), il rivestimento è fatto di scandole di legno di larice (piccoli quadrati sovrapposti tra loro) e i grandi terrazzi hanno parapetti in griglie d’acciaio. I passaggi per raggiungere gli appartamenti sono sempre all’aperto e in mezzo agli alberi per mantenere l’idea iniziale della “casa sull’albero”.

(Video: il commento del progettista)

Ovviamente sono state adoperate tutte le migliori tecnologie per assicurarsi il comfort all’interno degli appartamenti: isolamento a cappotto (cioè l’isolante termico viene posto all’esterno del muro e coperto dal rivestimento), pareti ventilate (tra il rivestimento e il pacchetto del muro esterno è presente un’intercapedine che permette il flusso dell’aria evitando la formazione di umidità), recupero delle acque piovane per irrigare la piantumazione e un sistema di raffrescamento e riscaldamento che utilizza la tecnologia della pompa di calore
Ma quali vantaggi procura abitare in una casa come questa?
I vantaggi sono moltissimi. In primis l’edificio non è mai statico ma sempre dinamico: con il susseguirsi delle stagioni gli alberi crescono, perdono le foglie che poi rinascono insieme a fiori e frutti e cambiano colore insieme alle scandole di legno del rivestimento. In inverno la perdita delle foglie permette un maggiore irraggiamento solare e quindi calore gratuito che entra negli appartamenti, al contrario, d’estate, gli alberi offrono un perfetto riparo contro il Sole. Inoltre la piantumazione è un’ottima soluzione contro il vento e il rumore cittadino, permettendo di avere tranquillità dopo una giornata frenetica.
Ma ancora più importante è che gli alberi producono molto ossigeno, circa 150.000 litri al giorno, a scapito dell’anidride carbonica e delle polveri sottili provocate dallo smog cittadino che vengono assorbiti.
In conclusione abitare nell’isolato 25 verde è salutare per la mente, per il corpo e per il comfort che si ottiene stando in mezzo a tante essenze arboree, gli unici requisiti richiesti per vivere in una casa sugli alberi sono avere un ottimo pollice verde e non essere allergico alle piante che circondano gli interi appartamenti!
Stay Tuned!

Fonti immagini:
1) Foto di Elena Massa
2) Foto di © Beppe Giardino