Bauhaus: la scuola dell'architettura moderna (parte 3)

Siamo giunti al terzo e penultimo appuntamento del nostro speciale sulla Bauhaus, la scuola di architettura caposaldo del periodo modernista fondata a cavallo delle due Guerre Mondiali. Nel primo articolo abbiamo introdotto la scuola e il programma scolastico, nel secondo articolo abbiamo parlato del fondatore e primo direttore, ovvero Walter Gropius che fondava i suoi insegnamenti sull'arte e l'artigianato e sull'importanza di convogliare funzionalità con estetica.
Oggi parliamo del secondo direttore del Bauhaus, ovvero Hannes Meyer.

L'architetto Hannes Meyer naque a Basilea, in Svizzera, nel 1889 e studiò architettura nella sua terra natia per poi spostarsi per qualche anno in Germania lavorando come disegnatore.
Diventò il secondo direttore della Bauhaus nel 1928 e il suo pensiero su ciò che bisognava insegnare agli studenti era differente rispetto a quello di Walter Gropius. 

Se Walter Gropius riteneva importante la fusione tra funzionalità ed estetica, Hannes Meyer credeva, invece, che l'architettura fosse il prodotto di funzionalità ed economia.

Il progetto (mai realizzato) che più mette in mostra questo suo credo è il Petersschule di Basilea, un edificio scolastico costituito da un semplice parallelepipedo con struttura a telaio (travi e pilastri) contenente le aule. Elementi secondari, come le scale, erano posti all'esterno dell'edificio e terrazze sospese da cavi agganciati alla struttura principale servivano per la ricreazione degli alunni, lasciando in questo modo il piano terra libero per la circolazione.


All'interno della Bauhaus Meyer modificò il nome del corso di "architettura" con "costruzioni" e incoraggiò la progettazione economica con l'uso del compensato per il mobilio.
Questo metodo di approccio alla Bauhaus di Hannes Meyer rafforzò l'opinione che la scuola stesse diventando una sorta di cavallo di Troia del bolscevismo, ma soprattutto il Partito nazista aveva compreso l'enorme influenza politica che questa istituzione stava avendo a livello nazionalista.

Hannes Meyer lasciò il suo posto da direttore nel 1930.

Vi aspetto nel prossimo e ultimo articolo speciale sulla Bauhaus con l'ultimo direttore, ovvero Ludwig Mies van der Rohe.

Shake Your Mind!

Fonti testo:
- William J.R. Curtis, L’architettura moderna dal 1900, Phaidon, Londra 2009.

Fonti immagini:
1) wikipedia.org;
2) William J.R. Curtis, L’architettura moderna dal 1900, Phaidon, Londra 2009.