Immagine Header

Marte: il pianeta della forza e del coraggio



Marte è il quarto pianeta del sistema solare, viene subito dopo la Terra ed ha una distanza media dal Sole di 228 milioni di chilometri. La sua superficie è rocciosa e il colore è rosso-arancione. E’ un pianeta piuttosto piccolo, molto luminoso. 
Nel tema natale riguarda la forza dell’energia maschile, l’impulso, la combattività. E’ dunque un pianeta di polarità maschile e domina sia il segno dell’Ariete che lo Scorpione.

MARTE NEL MITO
I Greci lo conoscevano come Ares, figlio di Zeus ed Era. Secondo Omero lui nacque soltanto da Era che, seccata dal comportamento di Zeus, lo concepì da sola aiutandosi con la pianta della fertilità. Fin da piccolo fu istruito sull'arte della guerra e del combattimento, crebbe coltivando in sé la passione per le dispute e le guerre. Era di bell'aspetto e gli fu facile far breccia nei cuori era però anche un po’ gradasso perché amava vantarsi delle sue conquiste belliche e non solo di queste, questo suo modo di fare lo rendeva poco simpatico. Ares è conosciuto per il suo coraggio e la bravura nelle battaglie, pur se nel suo modo di combattere c’era troppa violenza e distruzione, appunto per questo la stima nei suoi confronti non era così alta in Grecia.  

Ares: Dio della guerra

I Romani invece avevano maggior considerazione di lui, che era conosciuto come Marte e considerato, insieme a Giove, il protettore di Roma. Si riteneva fosse il padre di Romolo, il fondatore della città, e di suo fratello Remo. Era ritenuto il Dio della fertilità e della natura. In seguito fu detto “Dio guerriero” e assimilato ad Ares: Dio della guerra. Per celebrarlo assegnarono il suo nome al mese di Marzo. 

COSA RAPPRESENTA MARTE NEL TEMA NATALE IN ASTROLOGIA
Marte rappresenta quell'energia che presiede il movimento, l’azione, la volontà, il coraggio.
E’ un pianeta “impulsivo” e la sua impulsività è dettata dall'istinto. Non c’è una mente a comandarlo purché non si trovi in un segno particolarmente attivo a livello mentale ad esempio il Gemelli, la Bilancia o l'Acquario.

La sua energia può essere sia costruttiva che distruttiva, molto dipende dagli incroci che forma con gli altri pianeti. Bisogna capire che il suo modo di agire è legato al nostro istinto di sopravvivenza e quindi, se andiamo a guardarlo senza pregiudizi, comprendiamo che ha un’azione benefica in noi perché ci salva da un attacco esterno e stimola quella reazione necessaria a non soccombere.

Marte rappresenta la nostra capacità di esprimere un dissenso, di contestare un’azione, di protestare e perfino di arrabbiarci se questo è utile per arrivare ad uno scopo. Infatti molto spesso è necessario essere profondamente colpiti per veder nascere in noi una reazione e questa di solito è gestita da un moto di collera. Non dimentichiamo poi che a questo pianeta, come difetto principale, è affidata l’ira.

L’ambizione è di sua pertinenza e insieme ad essa la volontà di comando. Lui, in fondo, è un guerriero e ama tutto ciò che rappresenta una sfida, non si ferma neanche quando questa è nei confronti della vita.
E’ un trascinatore di masse, perché ama dirigersi verso un obiettivo. Il suo scopo potrà essere personale o per un bene comune, tuttavia lui rappresenta l’impulso che c’è dietro lo scopo: quello di battersi per ottenere qualcosa. Le persone che hanno un istinto da leader molto spesso hanno un Marte particolarmente ben posizionato e in un segno forte nel loro tema.

Nell'astrologia lo si mette in relazione con Venere, perché questa ci dice che cosa desideriamo e quali sono le nostre aspirazioni, mentre lui, quando agisce in modo equilibrato, ci fornisce l’opportunità e la capacità di arrivare a realizzare i nostri desideri. Di conseguenza, se gli aspetti tra questi due pianeti sono armoniosi, ne avremo come risultato un equilibrio tra volontà e desiderio.


Fonti di testo:
- Ciro Discepoli (a cura di), Guida all'astrologia, Armenia, Milano 1982
Fonti immagini:
1. www.eridanoschool.it
2. www.astrologiarchetipica.it
3. www.ilgiardinodegliilluminati.it