Immagine Header

L.A. Dance Project sbarca a Torino

In occasione della chiusura del Torinodanza Festival, il direttore del Balletto dell’Opéra di Parigi, Benjamin Millepied, ha avuto l’opportunità di portare in scena tre spettacoli della sua compagnia, la L.A. Dance Project. Millepied deve la sua fama internazionale grazie alla coreografia realizzata per il noto film “Il cigno nero” con la protagonista Natalie Portman.


L.A. Dance Project è un gruppo artistico nato a Los Angeles nel 2012, grazie al contributo e collaborazione di Millepied, e con i compositori Nico Muhly e Nicholas Britell e con il produttore Charles Fabius. Questa compagnia è stata fondata con lo scopo di promuovere artisti emergenti e realizzare nuove piattaforme per la danza contemporanea in America e nel resto del mondo.

A tre anni dalla fondazione della compagnia, Benjamin si è dedicato alla trilogia intitolata Gems, un progetto straordinario commissionato da Van Cleef & Arpels, che prevede una rivisitazione dello storico Jewels di George Balanchine del 1967.

Nascono così Reflections e Hearts & Arrows, che esprimono al meglio lo stile multidisciplinare del coreografo. A Torino arriva e viene trasmesso un mondo cosmopolita e vivace che si fonde nell’immaginario degli artisti, rappresentando compiutamente il panorama creativo della danza contemporanea.


Reflections (musica per pianoforte di David Lang e installazione di Barbara Kruger)
Un vero e proprio spettacolo emozionante, dettato da un lavoro essenziale e profondo, in cui si percepiscono la sensualità e le sensazioni effimere di nostalgia e di desiderio che caratterizzano le opere d’arte di Kruger.


Hearts & Arrows (musica di Philip Glass)
Su un quartetto per archi n. 3 (Mishima), i ballerini danno vita ad assimetrie, gesti contrapposti, con passi di danza in gruppo, a due e assoli, creando un continuo movimento con l’intento di raccontare storie, sentimenti e ricordi in uno stupefacente lavoro dinamico.

La serata al Torinodanza Festival 2015 si conclude al meglio con la messa in scena di Quintett.

Un capolavoro del 1993 di William Forsythe davvero emozionante e coinvolgente, un omaggio di William alla compagnia colpita da una grave malattia. Sulle note di Jesus’ Blood Never Failed Me Yet arrangiata da Gavin Bryars, gli artisti si muovono sotto una luce bianca e cristallina, in un flusso interrotto di passi a due, assoli e gruppo, evocando un un tutt’uno il senso di perdita e speranza, ma anche di paura e gioia. Alla conclusione della performance lo spettatore è colto dalla consapevolezza che la fine della vita è imprevedibile e inevitabile.


Fonti Foto:
1) LA Dance Project
2) Riflections - Foto di Dave Morgan
3) Hearts & Arrows - www.ladanceproject.com
4) Quintett -teachingandlearningatmsu.wordpress.com