Immagine Header

La Russian State Ballet sbarca a Torino


La Russian State Ballet nasce negli anni ’80 e nel corso del tempo ha intrapreso un lungo percorso di crescita fino ad arrivare a mettere in scena oltre trenta titoli di repertorio. L’intento è quello di salvaguardare e portare avanti la prestigiosa qualità della scuola russa ma cercando di adattarsi alle varie “teatralità” sparse nel mondo. La compagnia non finisce mai di stupire, presentando un corpo di ballo composto da ballerini dallo stile sofisticato e dalla tecnica elevata. Non solo porta avanti il prestigio della scuola russa e l’intendo di custodire l’eredità classica, ma si mostra dinamica e versatile verso gli altri mondi della danza, instaurando un profondo contatto con il lavoro di quella più contemporanea.

La compagnia, diretta da Vyacheslav Gordeev, ex primo ballerino del Bolshoi Ballet e Artista Onorato della Russia, è sbarcata ieri sera al teatro Colossero di Torino per deliziare il suo pubblico con la sensazionale storia de “Il lago dei cigni”, con la musica di P.I. Tchaikowskij e le coreografie di M. Petipa. Questo capolavoro accompagna il pubblico nella storia della principessa Odette, caduta vittima di un sortilegio del malvagio mago Rothbast, che si vendicò perché il suo amore fu rifiutato dalla fanciulla. Odette si vede costretta a trascorrere le ore del giorno sotto le sembianze di un cigno bianco. L’incantesimo può essere sconfitto solo da un giuramento e promessa di vero amore. Un giorno il principe Sigfrid si imbatte in Odette e se ne innamora perdutamente e non si darà pace finché non salverà la sua giovane amata. Durante una festa alla sua reggia, il mago Rothbart presenta sua figlia Odille, che prende le sembianze di Odette. Il principe, convinto di trovarsi davanti alla sua amata, le giura eterno amore. A quel punto il mago rivela la vera identità della raga e Odette, destinata alla morte, scompare nelle acque del lago. Il principe, ormai disperato, decide di seguirla. E proprio questo eroico e coraggioso gesto che permette di rompere il sortilegio.


Una storia che ha fatto emozionare un vasto pubblico in tutto il mondo e questa sua magia che si cela nell’intreccio e sviluppo della storia fa capire come mai sia diventata un classico del balletto e un lavoro di repertorio su cui hanno sperimentato e operato tantissimi artisti non solo della danza.

Fonti Foto:
1) www.lastampa.it
2) www.teatrocolosseo.it
3) giornatadelladanza.com