Immagine Header

La passione nella filosofia

Passione, dal greco antico pathos ossia sofferenza, passività, in filosofia indica quel modo di essere, quell'emozione che si prova e che è complementare all'azione alla quale logicamente e razionalmente si oppone.

In un significato più specifico il termine si trova usato per indicare:
- un evento di passiva ricezione, di modificazione o di alterazione anormale della conoscenza come avviene nella sensazione o nell'intelletto passivo (potenziale) aristotelico per cui il soggetto si trova sottoposto a un'azione o impressione esterna e ne patisce l'effetto sul piano sia fisico che psichico;
- quelle affezioni, tendenze e in genere modificazioni dell'animo che hanno il carattere di durata nel tempo e intensità tale che si distinguono rispetto alla minore incisività che solitamente contraddistingue i sentimenti. Nella storia della filosofia è quest'ultimo significato che ha prevalso e si è più diffuso come un sentire di forte intensità, di solito connotato da una grande attrazione per un soggetto; assume comunque, come tutti gli stati affettivi, significati diversi secondo l'ambito in cui se ne parla.

Nell'antichità occidentale, attraverso la letteratura omerica e la filosofia antica, la passione era vista come un sentimento eccessivo ed improvviso, ma non sempre negativo. Essa infatti poteva guidare al gesto eroico, soprattutto per "furore" o "ira". Testimone di questa moralità quanto meno complessa è il teatro greco dove diversi personaggi si accendevano per passioni come la cupidigia, il desiderio d'amore, la paura paralizzante, l'esaltazione senza freni: tutta una serie di emozioni che rendevano i personaggi del dramma, e gli stessi dèi che li guidavano, come posseduti e fuori di sé. Quindi la passione cominciò a essere interpretata come malattia, ovvero come lusinga e urgenza incontrollabile da parte del corpo che non poteva essere controllato dall'anima. Secondo Platone vi è un netto contrasto tra la ragione e le passioni per cui queste sono caratteristiche della carnalità dell'anima concupiscibile che la rende soggetta ad azioni impulsive e a sofferenze. L'anima irascibile invece è destinata a fare da mediatrice tra la razionalità e le passioni cercando di moderarle o di vincerle con il coraggio. Aristotele vedeva nella passione una sorta di malattia, un'affezione dell'anima che incide anche sul corpo e altera ogni libera scelta, ma che può essere controllata dalla ragione.

Per gran parte dei filosofi, la passione è l’attiva capacità di essere passivi, di patire, subire, percepire e sentire un sentimento che non da preavvisi quando si prova e che non sempre si riesce a dominare. Tuttavia può essere la migliore amica o una temibile nemica. Se si riesce a gestire questo sentimento a cui la ragione non sa dare una spiegazione, può diventare un importante alleato per raggiungere i propri obiettivi in ogni aspetto della vita. Può essere infatti un forte sostegno affiancata dalla perseveranza, dalla determinazione e dalla forza di volontà. Laddove però, la passione non viene gestita in maniera sana ed equilibrata, può diventare un ostacolo, un sentimento fuorviante che ci allontana da ciò che vogliamo veramente inducendoci a sbagliare. E' un sentimento che ci fa sentire vivi e che ci spinge all'azione, è importante trovare un equilibrio con questo tipo di emozione per poter trarre da essa tutti i benefici possibili.


Qui di seguito riportiamo le frasi più celebri sul sentimento della passione:

- Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione. (Georg Wilhelm Friedrich Hegel)
- Passione è tutta l’umanità. Senza di essa, la religione, la storia, la letteratura e l’arte sarebbero inutili (Honoré de Balzac)
- Per non assuefarsi, non rassegnarsi, non arrendersi, ci vuole passione. Per vivere ci vuole passione. (Oriana Fallaci)
- Una passione bruciante abbinata a un assoluto distacco è la chiave di ogni successo. (Mahatma Gandhi)
- La passione fa spesso pazzi gli uomini più abili, e abili i più sciocchi. (François de La Rochefoucauld)
- La passione non è cieca, è visionaria. (Stendhal)
- Chi si nasconde nella tenerezza non conosce il fuoco della passione. (Alda Merini)
- La passione è l’ossigeno dell’anima. (Bill Butler)
- Preferisco morire di passione che di noia. (Vincent van Gogh)
- Non si può trovare passione nel vivere in modo mediocre. Non accontentatevi di una vita che è meno di quello che siete capaci di vivere. (Nelson Mandela)
- Avere passione significa potersi concedere di perdersi in qualcosa. (Gail Sheehy)
- In ogni attività la passione toglie gran parte della difficoltà. (Erasmo da Rotterdam)

Il segreto per aver successo è mettere la passione in ogni cosa che si fa e in ogni aspetto della propria vita



Fonti di testo:
- Beatrice Cullina (a cura di), La passione nella filosofia, Hachette editore, Milano 2015 

Fonti immagini:
1 - https://it.wikipedia.org
2 - www.skuola.net