Immagine Header

Collezionismo fumettofilo

L’occasione è di quelle ghiotte ed è sponsorizzata direttamente dalla tv: arrivano in Italia le miniature 3D ufficiali dei personaggi del mitico fumetto One Piece!

  Massì, quel fumetto giapponese sui pirati, degno erede -secondo i massimi esperti- del caro vecchio Dragon Ball. E siccome nel corso degli anni, di statuette di Goku e soci ne sono state fatte di ogni tipo, questo nuovo manga dei record non poteva essere da meno. Per chi, come il sottoscritto, il cappello di paglia ce l’ha addirittura tatuato, correre in edicola è d’obbligo: ed ecco lì la classica fregatura, che appagherà pure ma è pur sempre fregatura. “Miniatura di pregio e rifinita nei minimi particolari”? Beh, più o meno. “Fascicolo ricco di interessanti informazioni”? Meh, quattro paginette sono difficilmente associabili all’aggettivo “ricco”. Ma vabbè, per un euro e mezzo (destinati ovviamente ad aumentare di uscita in uscita, dopo la prima di capitan Rufy praticamente regalata…) si può fare. E si è felici comunque.


  Proprio questo il punto: si è felici. Cosa c’è in un fumetto che spinge l’appassionato a collezionare? Vai alle fiere e ti compri l’edizione limitata a millemila euro in più, tocchi i trent’anni e compri ninnoli e giocattolini dedicati come se non ci fosse un domani, escono miniature da “collezione” ed eccoti lì, tac, fregato, ti ritrovi senza volerlo a sborsare moneta sonante. È che un fumetto ci mette poco a farti amico. Sei lì che ne cominci a sfogliare qualche vignetta, e subito ti senti come a casa, ti ritrovi in quel mondo. E, esattamente come in vacanza, da quel mondo vuoi tornartene con un souvenir. È poi probabilmente uno dei motivi per cui, parlando di fumetto, il cartaceo non verrà mai sostituito dal digitale (integrato sì, sostituito mai).

  Sarà infine che molti fumetti parlano al bambino dentro ciascuno di noi, ci suggeriscono di tornare a sognare anche solo per un momento. Intanto, dall’edicola, io me ne torno tenendo a fatica l’enorme cartone che raccoglie fascicolo e miniatura. Barcollo perché è ingombrante e non mi fa vedere bene la strada davanti a me, ma sorrido. E sono felice, che probabilmente è la cosa più importante.  

 Shake Your Mind!



FONTE IMMAGINI:

1) BadComics.it
2) Fumettologica.it