Restart, scuola di creatività

Lungo la scalinata che collega piano terra e primo piano della Biblioteca Civica di Collegno, è comparsa da qualche giorno una curiosa pagina di fumetto. Il protagonista è Sei Meno, un ragazzino in maglietta gialla che, a quanto pare, dovrà presto affrontare una minaccia costituita da dei misteriosi “voti volanti”: è la trama di un gioco per smartphone che dovrebbe uscire questa estate grazie al progetto “Restart” e che queste vignette provano a presentare.


“Restart” è un progetto finanziato dalla Compagnia San Paolo contro la dispersione scolastica, è rivolto a studenti tra gli 11 e i 14 anni e vede l’azione congiunta della già citata biblioteca, della scuola “66 Martiri” di Grugliasco e dell’oratorio “Don Bosco” di Rivoli. L’obiettivo è far capire ai ragazzi come la scuola riesca anche a formare competenze utili e interessanti, attraverso laboratori finalizzati ad attività creative. L’ambizioso traguardo di quest’anno è stato la programmazione di un’app che rivedesse le materie scolastiche in chiave ironica, partendo anche dalle esperienze personali vissute tra i banchi di scuola e non rinunciando a un po’ di riflessione. Da qui, la creazione di un contesto frizzante che una semplice pagina di fumetto già riesce, almeno in parte, a restituire. Le premesse, insomma, sembrano ottime.

 


Modernizzare le idee di istruzione ed educazione, adattandole a contesti concreti, è oggi fondamentale. A ciò si aggiunge la necessità di abituare le nuove generazioni alla creatività, perché ciascun individuo fin da giovane si ritroverà suo malgrado a produrre contenuti culturali. I “voti volanti”, oggetti quasi fantasy che fanno bella mostra nella prima vignetta, dovrebbero proprio prendere in giro la concezione che dà troppa importanza alle cifre, come se i giudizi non comprendessero anche qualcosa di più profondo: di qui, Sei Meno a rappresentare questa lotta, ricordandoci che esistono molte altre abilità che, in base alle situazioni nelle quali ci si trova, possono diventare importanti. A progetti di questo genere il compito di fornire consapevolezza e qualche strumento e, qualora essi vengano pure rappresentati dalla nona arte, ben venga.


Per tenervi informati sugli sviluppi di questo laboratorio, c’è una pagina Facebook: Restart – Donoboscorivoli Edition.

Shake Your Mind!





FONTE IMMAGINI: foto personali