Immagine Header

SPIDEY AMICO MIO

Di Loris Ferrero per redazione Post Spritzum

Tutte così, le canzoni di Max Pezzali e dei suoi 883: le si ascolta la prima volta e sembrano banali, una seconda volta e diventano orecchiabili, una terza e si scopre che anche i testi non sono niente male. Dal quarto ascolto in poi ci si inizia ad identificare con le varie emozioni che suscitano: è quello che accade anche con “Hanno ucciso l’uomo ragno”, uno dei più grandi successi di questa band che almeno una volta nella vita chiunque ha canticchiato.
  Perché Spider Man rappresenta la giovinezza e non potrebbe essere testimonial migliore. Peter Parker è già supereroe prima di essere morso dal celeberrimo ragno, come dimostra la scelta che fa una volta acquisiti i poteri. Niente soldi facili, anzi, una lunga lotta contro il crimine che ripagherà anche in benessere interiore, ma non in pecunia. E così il nostro Peter rappresenta il supereroe con superproblemi, una sorta di Paperino senza becco e piume che sa commentare con ironia tutte le sue disgrazie e le sue lotte. Ci piace, perché non si monta la testa.
  Ingegnoso, simpatico, discreto. Chi non lo vorrebbe come amico? La buona sorte no di certo. Ma “Spidey” se la sa cavare, dimostrando come galleggiare sopra i problemi sia meglio che cercare di prendere a spallate l’ondata dei guai: non è uno di quei supereroi tutto muscoli, né uno di quelli alla Deadpool, il cui fascino risiede nella pazzia più totale. Probabilmente ci si parlerebbe anche volentieri, non metterebbe a disagio. Potremmo immaginarlo davanti ad un caffè, a sottolineare come avrebbe fatto anche a meno di un destino simile; del resto “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”, come recitano più volte le didascalie delle sue vignette, quindi gambe in spalla.
 
Hanno fatto bene, gli 883, a prendere Spidey come esempio. Spesso i talenti più cristallini risiedono nelle persone all’apparenza più improbabili, come nel timido, goffo e occhialuto Peter Parker. L’Uomo Ragno, insomma, non è morto: potrebbe nascondersi in ciascuno di noi. Shake Your Mind!


FONTI IMMAGINI:
1) picopod.it
2) allposters.it