Un fumetto con i Lego

Il 12 e 13 gennaio, al parco Le Serre di Grugliasco, si è svolta la quinta edizione di “Mattoncini in Festa”, mostra dedicata ai famosissimi Lego. Modellini di ogni tipo, tanta visitatori grandi e piccoli, progetti dedicati al rapporto tra mattoncini e robotica, addirittura pezzi da museo come le prime scatole degli anni ’70 e i giochi in legno che l’azienda danese realizzava in precedenza. E poi, ad un piccolo piano sopraelevato, una mostra fotografica.


 È questa piccola mostra ad aver attirato in particolar modo la nostra attenzione. Curata dal gruppo “Fotografia Costruttiva”, presenta curiosi scatti che hanno come protagonisti gli omini della Lego ritratti in paesaggi naturali o in contesti creati artificialmente, con le loro mille trasformazioni e le loro espressioni buffe. Di fronte, appese ad un corrimano, una decina di fotografie dello stesso tipo, ma caratterizzate da dei balloon. Ebbene sì, un fumetto. Dove mai ce lo saremmo aspettati. Due omini, uno vestito da astronauta e l’altro da razzo. Battute onestamente da rivedere, ma qui l’elemento su cui concentrarsi è un altro, ovvero la realizzazione di una striscia attraverso qualcosa che non è il disegno.


In verità, l’idea di utilizzare le fotografie per realizzare fumetti è già propria del fotoromanzo. In verità, anche quella di utilizzare fotografia e omini Lego esiste già e potete trovarla ad esempio sulla pagina Instagram “Legolize”. Eppure il risultato incuriosisce, perché sottolinea una volta di più quanto i nostri amati mattoncini riescano ad ispirare la fantasia attraverso storie sempre nuove. Il fumetto in questione si intitola “pipposzxky” ed è dedicato al cinquantenario dello sbarco sulla Luna: una piccola e inaspettata perla in una mostra da cui, ad ogni modo, si esce soddisfatti.

Shake Your Mind!







FONTE IMMAGINI: foto personali