ISLANDA. Tra cielo e terra.

La scorsa settimana è stato presentato un libro alla Casa del Conte Verde a Rivoli, grazie alla collaborazione della Libreria Mondadori, l'associazione La Merdiania e la Città di Rivoli. Dove ha presenziato anche il console dell'Islanda a Milano, Olga Clausen.  All'incontro era anche presente un'agenzia di viaggi di Novara specializzata in viaggi in Islanda,  la Stopover viaggi.


Quando pensiamo all'Islanda pensiamo a paesaggi maschili quasi alieni in cui la natura fa da protagonista. Islanda, luminosa e solitaria e sconfinata; rappresenta una terra che sfugge a qualunque previsione immaginabile e fantastica; un mondo appartato, forgiato dal fuoco e temprato dal ghiaccio, abitato da un popolo fiero e generoso.  L’Islanda è un’isola forgiata nel tempo, dove i contrasti si incontrano a formare un paesaggio che non ha eguali nel resto del Pianeta. E’ una terra fatta di ghiaccio e fuoco, di laghi e vette incombenti, di cascate tuonanti e balene che nuotano davanti alle sue coste nere di lava. E’ il Grande Nord, un pezzo di mondo da vedere e non dimenticare mai, ma è più dolce e accogliente di quanto lo immaginiamo.


Islanda, ove le forze primordiali della Natura hanno piena libertà di potersi esprimere e sono ovunque visibili, panorami spettacolari da ammirare e luoghi selvaggi da sfidare. Il fascino della scoperta acquista maggior vigore se, oltre alla visione terrena, è rafforzata da quella geometrica e creativa dall’alto. Dall’alto, la prospettiva si trasforma. Lo scenario che si manifesta è la tavolozza di un pittore e le sfumature di colore, le armonie delle linee, ricordano le opere dei maestri dell’espressionismo. Il sublime e l’immaginario che noi percepiamo come emozione, un evento straordinario che Madre Natura offre ai nostri occhi. una proposta editoriale di grande impatto visivo che si propone di analizzare un paese unico nella sua primigenia identità. Un mondo che altrove non è più e qui è rimasto immutato.

Un fotografo è riuscito a raccontare le diversità di questo Paese piantato in mezzo alle correnti dell’Atlantico, trasformando molte delle sue geografie in astrazioni. Lui si chiama Massimo Lupidi, il suo poetico lavoro è ora raccolto in un libro edito da Sassi e dal titolo “Islanda tra cielo e terra”.


Massimo Lupidi ne trae sensazioni forti, profonde; un'Islanda travolgente ed estrema, indagata da una duplice prospettiva: da terra e dal cielo. La spazialità, la luce e il contrasto si arricchiscono, attraverso la visione aerea, di forza evocativa, creatività e arte astratta. Un'analisi fotografica attenta e profonda e un'opera dedicata agli amanti della vera fotografia, a coloro che concepiscono il viaggio come un'avventura e desiderano vivere, da protagonisti, intense emozioni. All'intero del libro troverete anche delle Poesie di Sigurbjörg Thrastardottir, poeta islandese. La prefazione è di Eliza Reid, first lady della Repubblica d’Islanda.


Ecco di seguito il sito ufficiale dell'autore!

#shakeyourmind #staytuned

fonte sito
-https://www.islanda.it/articoli/islanda-tra-cielo-e-terra-di-massimo-lupidi
-https://eyesopen.it/libri/2017/11/islanda-un-libro-cielo-terra/
-http://www.massimolupidi.com/books.htm

fonte foto Irene Fascio