Immagine Header

Torino che Legge, festeggiamo i libri e la cultura

#librovagando

Siete dei divoratori di libri? Non riuscite a resistere fino all’inizio del Salone del Libro e avete bisogno di qualche evento dedicato alla lettura?
Prendete carta e penna e save the date perché Torino non manca di sorprenderci con le sue iniziative.
Dal 18 al 24 Aprile si svolgerà la seconda Edizione di Torino che Legge. Una intera settimana ricca di eventi per celebrare la Giornata mondiale del libro che ricorre il 23 Aprile.


La manifestazione promossa dalla Città di Torino e dal Forum del Libro animerà le vie centrali di Torino, ma anche i quartieri cittadini meno conosciuti con lo scopo di riqualificare e vivacizzare le periferie attraverso le parole degli autori e dei libri. A tal proposito si svolgeranno parallelamente le manifestazione territoriali di Barriera che legge, LeggerMente, LIBERinbarriera, Libri in corso e Pericentrica.

Gli appuntamenti dal centro alle periferie riguarderanno incontri con autori, dibattiti, conferenze, omaggi al libro e alla lettura in tutte le sue forme. Numerosi gli enti pubblici e privati che hanno aderito a Torino che Legge: ben 21 biblioteche torinesi, 52 librerie, 60 scuole tra le quali la Scuola Holden, per non parlare delle case del quartiere, fondazioni, associazioni e circoli come il Circolo dei Lettori e la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura. La città stessa si apre al pubblico con spettacoli in metropolitana e sul tram storico di Torino, in piazze e giardini.

Per non perdere nessuno degli appuntamenti pensati per il pubblico Martedì 12 Aprile alle ore 11.30 verrà presentato, presso la Sala Colonne del Palazzo Civico, l’intero programma della settimana grazie all’esposizione di Maria Grazia Pellerino, Assessore ai Servizi Educativi, Enzo Frammartino, Assessorato alla Cultura, Turismo e Promozione della città, Rocco Pinto, Forum del Libro e lo scrittore Giuseppe Culicchia.

Tra gli ospiti invitati si attendono le conferenze di Claudio Magris e Bianca Pitzorno Martedì 19 Aprile.
Molti degli eventi sono previsti per Sabato 23 aprile, festa mondiale del Libro stabilita dall’UNESCO. Per l’occasione si svolgeranno iniziative dedicate a Miguel de Cervantes e William Shakespeare la cui morte ricorre in questa precisa data.

Appuntamento cruciale dell’intera edizione di Torino che Legge è “Una Rosa di Libri. Portici di Carta per Sant Jordi”, prevista per Sabato 23 e alla quale parteciperanno tutti i soggetti coinvolti nella settimana. I luoghi prescelti sono Piazza San Carlo e l’Oratorio di San Filippo Neri, in via Maria Vittoria 5, che con le loro bancarelle di libri trasformeranno il centro di Torino in una grande libreria a cielo aperto.


Le sorprese per il pubblico non mancano mai. Il titolo “Una Rosa di Libri” rivela già tutto. Per l’occasione ad ogni acquisto di un libro verrà regalata una rosa rossa, così come vuole la ricorrenza spagnola per festeggiare Sant Jordi, patrono di Barcellona e della Catalogna. Il 23 aprile è, per l’appunto, la “Diada de Sant Jordi” o Festa di Sang Giorgio.
La tradizione vuole che in questa giornata ogni uomo doni una rosa alla propria amata, la quale deve contraccambiare il dolce gesto donandogli un libro. In Spagna il rito è molto sentito, a tal punto che le Ramblas si riempiono di bancarelle di fioristi e librai che ringraziano gli acquirenti con un omaggio floreale.
Torino non poteva essere da meno e per questo ha deciso di trasformare la sua passeggiata in una piccola rambla contornata dal profumo dei libri e dei fiori.
Molti altri gli intrattenimenti per il pubblico, dal Flashmob in onore di Sant Jordi e le letture sul tram storico e sulla metropolitana.

Amanti dei libri e non solo, tutti sono invitati a partecipare a Torino che Legge. È assolutamente vietato mancare, perché anche la lettura può essere occasione di divertimento e vivacità!

Per avere maggiori informazioni:
Sito web Ufficiale di Torino che Legge
Pagina Facebook Ufficiale di Torino che Legge 
Evento Facebook di presentazione del programma


Fonte Immagini: Pagina Facebook Torino che legge