Immagine Header

Visioni, XXIX Salone Internazionale del Libro.

Oggi 1 Maggio inizia ufficialmente il countdown ad uno degli appuntamenti più importanti per i torinesi e non solo. Meno di due settimane separano gli appassionati della lettura dall’apertura della XXIX edizione del Salone Internazionale del Libro, “banchetto” godurioso per le loro menti affamate di inchiostro e cultura.

Il XXIX Salone Internazionale del Libro di Torino si tiene da giovedì 12 Maggio 2016 a lunedì 16, nei Padiglioni 1, 2, 3 e 5 di Lingotto Fiere. L’inaugurazione, che si terrà giovedì 12 alle ore 10.30, sarà tenuta dal Ministro per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo Dario Franceschini.
Sono oltre 1.000 gli editori presenti al Salone 2016, 24 gli editori dell’Incubatore, sono case editrici con meno di 2 anni di vita e non legate a grandi gruppi editoriali.
I convegni e dibattiti programmati sono più di mille, senza contare quelli organizzati dal Salone Off. Trentasette le Sale Convegni e Laboratori, compresa le nuove Sala Romania e Sala Babel.


Il filo conduttore dell’edizione del 2016 è il futuro e più precisamente la capacità di proiettarsi verso un domani fatto di nuovi progetti, di sfide da vincere anche se apparentemente sembrano impossibili, di contesti che maturano e variano incessantemente. Visioni di nuove possibilità, di progresso, di miglioramento, senza però mai dimenticare l’identità culturale che si fonda su radici umanistiche e scientifiche ben salde.
Visioni è, per l’appunto, il titolo del Salone del Libro di quest’anno. I visionari che rappresentano la capacità di guardare al futuro sono stati scelti per l’originalità, l’innovazione, l’impegno dei loro progetti e anche per le abilità comunicative e divulgative. Gli argomenti abbracciano una pluralità di rami che spaziano dalla scienza, all’arte e all’architettura sullo sfondo comune della volontà di innovare; innovazione resa  possibile grazie alla natura e alla forza del libro stesso, che permette di diffondere la cultura intrappolata al suo interno e di “abbattere” le restrizioni mentali.

Fra i testimonial della ricerca del settore fisico tutta l’attenzione è rivolta a Roberto Cingolani, direttore dell’Istituto italiano di Tecnologia* (1). L’Istituto organizza mostre e incontri al cui centro vi è inesorabilmente il libro e presenta nel 5° padiglione del Salone il suo robot androide iCub.
Sempre nell’area scientifica spiccano i nomi di  Guido Tonelli, responsabile dell’esperimento che al Cern ha permesso di scoprire il bosone di Higgs, che racconterà le sfide future della fisica. Ospite d’onore sarà l’astronauta Samantha Cristoforetti che presenta il libro in chiave fiabesca dedicato ai ragazzi sulle passioni e avventure della sua professione, edito da Feltrinelli.

La capacità visionaria si rivolge anche all’imprenditoria, capinatata dagli imprenditori umanisti Golinelli e Cucinelli che rivolgono uno sguardo sulle potenzialità del futuro, senza focalizzarsi sul profitto immediato. Marino Golinelli* (2) è vicino ai giovani e si impegna nell’aiutarli a valorizzare se stessi e ad affrontare nel modo giusto i problemi per trasformarli in occasioni. Brunello Cucinelli, racconta la sua visione di imprenditoria, come crescita morale, civile e culturale.

Non mancano all’appello gli architetti Carlo Ratti, direttore del Senseable City Lab al Mit di Boston, e Stefano Boeri, ideatore e premio Nobel dell’architettura per i due grattacieli del Bosco Verticale di Milano. Con la loro mente visionaria ci  presentano un’idea di urbanistica innovativa che si unisce allo studio della mobilità umana e delle ultime tecnologie digitali.

La lezione d'arte del maestro ed esperto Philippe Daverio “Visionari e televisionari” insegna ai visitatori come un quadro possa racchiudere diverse narrazioni e prospettive infinite di lettura, se ci si sofferma a guardarlo a lungo.
La stessa idea si ricollega al tema della fotografia. I grandi fotografi sono in grado di trasformare e rappresentare in mille modi diversi uno stesso soggetto, modificandone la percezione dell’osservatore.  Testimonial a riguardo, Oliviero Toscani presenta le sue opere più famose racchiuse in un unico volume.


Ultimo, ma non meno importante, il quadro Visioni di Mimmo Paladino, opera simbolo del Salone del Libro 2016. L’opera è stata realizzata dall’artista appositamente per l’evento; l’elaborazione grafica di Visioni è stata realizzata dall’architetto Pierluigi Cerri, nome di importante rilievo nel settore della grafica e del design italiano.
Grazie alla donazione di Paladino l’immagine del Salone torna, dopo molti anni, ad essere affidata ad un artista italiano.


Il tema delle visioni non poteva non rilanciare ulteriormente l’Area Startup, vetrina per le nuove realtà editoriali che si vogliono confrontare con il mercato odierno. Quest’anno sono 10 le nuove startup che compongono Book To The Future, grazie ai loro progetti dedicati all’importanza del digitale e dei contenuti creativi nell’editoria.

La programmazione del XXIX del Salone del Libro di Torino non è solo ricca di eventi, artisti ed editori, ma si caratterizza anche per la numerosità di nuove proposte.
Tra le novità di quest’anno troviamo un nuovo focus allargato e trasversale sulle realtà culturali degli Stati nazionali, al posto del già noto Paese Ospite d’Onore. La scelta per quest’anno ricade sulla letteratura e cultura araba, dal Marocco all’Iraq. Il Salone sceglie di dare maggiore spazio agli aspetti geoculturali, proponendo appuntamenti e iniziative sulla letteratura come patria e rifugio, come luogo di dibattito e confronto per scoprire quei paesi geograficamente non lontani dall’Italia, ma culturalmente poco conosciuti.

Una delle novità più rilevanti riguarda i biglietti di ingresso, con l’abbassamento del prezzo del biglietto ridotto a 8,00€ e l’introduzione del nuovo biglietto ridotto preserale, valido dopo le ore 18, che al prezzo contenuto di 5,00 € permette di assistere a eventi e concerti serali con grandi nomi della musica italiana, appositamente pensati per l’occasione.

Per avere maggiori informazioni è possibile visitare il sito ufficiale del Salone del Libro, sul quale è presente il programma completo con eventi giornalieri, prezzi e le ultime news.

Note:
(1) *Centro avanzato di robotica e nanotecnologie
(2) *Imprenditore farmaceutico di successo, sin del 1988 ha creato la Fondazione che porta il suo nome e in cui ha profuso cospicui investimenti

Fonte Foto: salonelibro.it