Immagine Header

Gli ecovillaggi

L’essenza dell’uomo è contenuta soltanto nella comunità, nell’unità dell’uomo con l’uomo ~ Ludwig Feuerbach



L'ecovillaggio è una comunità che si basa sulla sostenibilità ambientale.
È una realtà che affonda le sue radici nei principi della condivisione, nella partecipazione alla vita della comunità e ai valori comuni, che tende all'autosufficienza.
Ognuno dà il suo contributo alla comunità, mettendo a disposizione le proprie competenze, talvolta condividendo anche le proprie risorse economiche con gli altri.
Gli ecovillaggi si propongono di creare nuove forme di convivenza, che non si limitano al nucleo familiare, culturale o sociale, ma che si estendono a interscambi culturali.



La parola chiave, quando si parla di ecovillaggi, è sperimentazione: verso nuovi stili di vita, nuovi modelli sociali, nuovi modelli sostenibili, uso di energie rinnovabili, tecnologie che preservano l'ambiente. 
Si può sperimentare l'agricoltura, i sistemi di riscaldamento, l’istruzione, l’edilizia, la cucina, l’economia ma anche nuove combinazioni di lavoro manuale e intellettuale, nuove forme sociali e nuovi rapporti tra le generazioni.
Non ci sono schemi prestabiliti, ogni membro della comunità può dare il suo contributo e esprimere le proprie idee innovative, durante le assemblee mensili
La comunità vuole soddisfare al massimo le esigenze dei singoli: lavoro, educazione, svago e tempo libero, relazioni.



Chi sceglie di entrare a far parte di un ecovillaggio deve consapevolmente mettere da parte le comodità quotidiane, in cambio di una migliore qualità di vita: meno stress sul lavoro, una vita sana, meno spostamenti in auto e buona alimentazione.
Talvolta è richiesta la partecipazione ad un “percorso di crescita personale”, perchè ciò che è alla base di queste comunità è un obiettivo comune.
In alcuni casi vengono offerti corsi e seminari a pagamento al pubblico esterno, ottenendo così i fondi necessari per far fronte alle spese comuni, sempre nell'ottica dell'autosufficienza.



Come nascono gli ecovillaggi? Nel 1971 il professor Stephen Gaskin, le cui lezioni erano molto seguite e duravano intere notti, fondò The Farm il primo ecovillaggio al mondo, in Summertown, Tennessee.
Sempre nello stesso anno in Danimarca nasce Christiana, la famosa comune di Copenaghen.
Ancora oggi The Farm ospita oltre 250 persone ed è impegnata nel campo della ricerca sostenibile
Con l'avvento di internet è stato possibile creare la rete Gen – Global ecovillagge network – che riunisce tutti gli ecovillaggi del mondo, tra cui anche Rive, la rete delle comunità italiane.



Negli ultimi anni gli ecovillaggi hanno attirato un numero crescente di persone, anche a causa della sempre più bassa vivibilità delle grandi città, della crisi economica, della ricerca di uno stile di vita più sano, a contatto con la natura.
In Piemonte troviamo Damanhur, una comunità di 600 persone, la più popolata tra quelle italiane.
Sulle colline tra Perugia e Terni, c’è Utopiaggia, l’ecovillaggio più antico e longevo d’Italia. Nel 1972 Ingrid, Bernd, Ildiko, Barbara e altri ragazzi decidono di fondare una comunità “anarchica e umanistica” in Bassa Baviera. All’inizio portano avanti la comunità Barhof in Germania e poi acquistano cinque ruderi abbandonati con 100 ettari di terreno in Umbria, trasferendo la comunità in Italia. 



A Passignano sul Trasimeno troviamo Panta Rei, un centro di educazione permanente.
Non si tratta di un semplice villaggio ecologico, ma è da sempre impegnato per l’educazione ambientale.
Formato da un’ampia struttura ricettiva e da piccole casette fatte di terrapaglia e materiali di recupero, il villaggio è completamente sostenibile a livello energetico (l’acqua viene da un sistema di fitodepurazione o dalla raccolta piovana, l’energia dai pannelli solari). 
Panta Rei offre ospitalità anche a grosse comitive di studenti o di adulti ed è attivo quasi tutto l’anno con corsi e seminari di permacultura, yoga, ecologia.

La rete degli ecovillaggi è in continua crescita, qui di seguito alcuni link utili per trovare l'ecovillaggio più vicino a voi!

Shake Your Mind!


LINK


FONTI TESTO