Le 10 città più ecologiche del mondo

Il Global Green Economy Index, dopo aver effettuato uno studio su 80 Stati sparsi nel mondo, ha stilato una classifica delle città più “green”, grazie ai dati raccolti dal Dual Citizen LLC, una società di consulenza americana specializzata in questioni di sostenibilità ambientale, che si occupa di redigere il report “Global Green Economy Index”.  

Sono stati presi in considerazione diversi elementi quali investimenti, attenzione per il cambiamento climatico, efficienza industriale, sviluppo e educazione ambientale, prestando attenzione non solo alle politiche concrete volte al rispetto dell’ambiente e all’uso delle risorse, ma soprattutto alla sensibilizzazione degli abitanti, per agire all’origine del problema e modificare certe abitudini.
Si è tenuto conto non solo delle politiche nazionali, ma anche di quelle urbane, più vicine al cittadino e che conoscono meglio le criticità della propria città.


10. TOKYO
All’ultimo posto della classifica troviamo Tokyo, con i suoi piccoli angoli verdi che lasciano senza fiato: il Tama Zoo, un parco animalistico di 52 ettari permette ai turisti di esplorare la fauna “continente per continente”; c’è lo street-fishing, che obbliga a rilasciare immediatamente le carpe pescate nel Sumida. Particolare è la collezione di alberi in miniatura Bonsai-ya.




9. PARIGI
Al nono posto la capitale francese, celebre per aver ospitato la Conferenza di Rio sui cambiamenti climatici (COP 21), durante la quale è stato negoziato l’accordo di Parigi. Interessanti gli sviluppi: è possibile per gli abitanti diventare giardinieri del proprio quartiere e adottare zone in cui creare un orto urbano.
Anne Hidalgo, sindaco di Parigi dal 2014, si è fortemente impegnata per creare 100 ettari di pareti e tetti verdi entro il 2020.




8. HELSINKI
La capitale della Finlandia vanta una rete ferroviaria efficiente e un sistema centrale di teleriscaldamento che l’hanno resa all’avanguardia in pochi anni. Particolare è l’attenzione alle politiche che incentivano il recupero dell’energia termica dispersa, che va ad aumentare il riscaldamento della città.




7. BERLINO
Berlino offre 2500 spazi verdi urbani, grazie ai quali la città ha raggiunto uno dei più bassi tassi di inquinamento d’Europa. Basti pensare a Postdamer Platz, la piazza centro di un nuovo quartiere residenziale, con 19 edifici dal tetto green, che raccolgono e purificano l’acqua piovana, riutilizzandola per servizi igienici e irrigazione dei giardini.




6. NEW YORK
La “Grande Mela” non è solo sinonimo di metropoli e smog: oltre al gigantesco Central park, è possibile trovare diverse aree ecologiche come la High Line, ossia l’ex linea ferroviaria oggi trasformata in un parco pensile a Manhattan, il Washington Square Park, il Brooklyn Botanic Garden e le lussuriose sale del Mondrian Hotel
Grazie ad una panoramica satellitare è possibile scoprire il grande cuore verde di New York, nascosto tra i tanti grattacieli.




5. SINGAPORE
Singapore è nota anche come “città giardino”, poiché più del 20% dei fabbricati urbani sono green. A Punggol, sobborgo della città, troviamo un intero complesso di edilizia popolare totalmente sostenibile: gli edifici sono ricoperti da piante che aiutano ad abbassare la temperatura dei palazzi, evitando sprechi di aria condizionata. Inoltre ci sono pareti bianche che respingono i raggi solari, impianti di energia eolica e sistemi per il riciclaggio dei rifiuti.




4. OSLO
La capitale della Norvegia ha annunciato che entro il 2019 diventerà la prima città al mondo ad aver abolito il traffico delle auto in centro. Si tratta di un obiettivo storico senza precedenti, che prevede la realizzazione di oltre 60 km di piste ciclabili, incentivi sull’acquisto di vetture e biciclette elettriche e infine un grande investimento nel trasporto pubblico. È messaggio positivo se si pensa che la Norvegia è il tra i più grandi produttori di petrolio in Europa (circa 3 milioni di barili al giorno) e terzo esportatore dopo Arabia Saudita e Russia.




3. VANCOUVER 
Sul podio, al 3 posto, la città canadese che approva un progetto pluriennale con l’obiettivo di diventare città verde per eccellenza entro il 2020. Si tratta di investire in quello che che c’è già: bio-edilizia, trasporto pubblico urbano, riduzione dei rifiuti destinati a discarica, acqua e aria pulite e cibo locale a km 0. 
Da ricordare è lo Stanley Park, uno dei parchi urbani più belli e grandi del mondo, lontano dai grattacieli. 




2. STOCCOLMA 
Al secondo posto Stoccolma, che è tra le città più green: già stata nel 2010 capitale green europea. La città offre tantissime eco-escursioni, attività legate all’ambiente, mercatini bio e boutiques di moda ecologica. Da non perdere l’EkoParken, il primo parco nazionale cittadino al mondo, istituito dal parlamento svedese nel 1995. Si tratta di un'area di 27 km quadrati (20 di terreno e 8 d’acqua) all'interno di Stoccolma e grande quanto il centro della città! 




1. COPENAGHEN 
In cima alla classifica la capitale della Danimarca, modello indiscusso di “green economy”. Trasporto pubblico ben sviluppato, poche automobili in circolazione: ogni giorno vengono percorsi in bici più di 1 milione di km!  






LEGGI ANCHE




FONTI IMMAGINI
pixabay.com