Musica a Rivoli: La Scuola di Musica si apre alla Citta'

Voglia di fare e collaborare con altri, con gli altri.
Questo lo spirito che permea ed emerge dalle parole del direttore didattico della Scuola di Musica Città di Rivoli, Filippo Bulfamante.

"L’obiettivo è –  spiega Bulfamante -  suscitare interesse e curiosità coinvolgendo anche realtà estranee al contesto puramente musicale:
come Biblioteca, Scuole e alcune realtà commerciali".


LA PROMOZIONE
E così i progetti della Scuola di Musica Città di Rivoli irrompono, con il sostegno del Comune di Rivoli, nel quotidiano cittadino per avvicinare il pubblico e avvicinarsi a sua volta ad esso.
In primis con la distribuzione di pacchetti/prova di due ore cadauno per lo svolgimento gratuito di attività musicali presso la  Scuola di Musica:
- Lezioni di strumento musicale,
- Corsi di ascolto,
- Laboratori di improvvisazione,
- Partecipazione ad ensemble vocali e/o strumentali,
- Concerti.
La distribuzione di tali “pacchetti” sarà effettuata da enti come la Biblioteca civica Alda Merini  e l’Informagiovani   ;
ma anche da una rete commerciale: sono state coinvolte le 3 librerie di Rivoli (Equilibri, Mondadori Bookstore, Panassi), il negozio di strumenti musicali Musica Più, e il Pub 82 Birra Ceca;
ciò per rompere il paradigma ”La cultura si fa solo in luoghi di cultura”.

ESSERE INTERDISCIPLINARE
Insomma, un progetto sperimentale che coinvolge aspetti culturali, formativi e la capacità di aggregare giovani interlocutori (diventino essi allievi o siano semplicemente pubblico).

Si inizierà concretamente con un’iniziativa proposta insieme alla Biblioteca Civica A.Merini.
Mercoledì 13 dicembre 2017 ci sarà infatti il primo di una serie di eventi strutturati con una certa periodicità, con il fine di “mescolare” le utenze. Particolarità sarà che l’attività musicale si svolgerà in biblioteca durante la normale attività di biblioteca.
“C’è il rischio di disturbo, ma è necessario per mescolare “pubblici””- dice Bulfamante.
Durante questo primo incontro ci sarà anche la presentazione dei pacchetti/prova.

Tenendo poi conto che i “saperi sono fatti da settori che possono dialogare”, con le scuole c’erano e sono stati riproposti i percorsi per  la scuola dell’infanzia e quella primaria.
La novità è stata quella di coinvolgere anche le superiori, come il Darwin.
Grazie ad un ciclo di quattro incontri-conferenze interdisciplinare (storia, filosofia, italiano e storia dell’arte) sarà possibile scoprire il ruolo della musica nell’incontro con gli “altri” e nel superamento dei pregiudizi, tramite l’utilizzo di metodologie e campi d’indagine dell’etnomusicologia (la parte della musicologia che studia la cultura musicale dei diversi popoli).
La proposta non si limita ai soli liceali, ma anche ai docenti tramite la possibilità di scegliere specifici corsi a tematica musicale inseriti nei possibili aggiornamenti che devono fare.

GLI INCONTRI CON I GRANDI
La scuola è inoltre un ottimo luogo di incontro tra studenti, cittadini e i grandi personaggi della cultura, anche musicale:
sono previsti incontri con il pianista Maurizio Pollini e Nuria Schoenberg Nono, figlia di uno dei più grandi pianisti e compositori del 20° secolo, moglie di Luigi Nono, pianista e compositore italiano, e presidentessa della Fondazione Archivio “Luigi Nono” di Venezia.











LO SCAMBIO CULTURALE

Infine è previsto uno scambio culturale, un’occasione di crescita e conoscenza per allievi e studenti. Nella primavera 2018 la Scuola di Musica “Città di Rivoli” ospiterà allievi del Liceo Musicale “Angelo Masini” di Forlì, così come allievi della Scuola di Musica di Rivoli verranno ospitati all’interno di attività promosse dal Liceo Musicale di Forlì.

Molte attività che, pensandoci, sembrano un po’ dei colori con cui colorare la vita … Shake Your Mind!


PER APPROFONDIRE:

Istituto Musicale Rivoli