Un inno alle ruote di scorta

Salgono sul palco, impersonano il disagio e conquistano il podio: ecco la frase che meglio descrive l’esperienza dei Pinguini Tattici Nucleari a Sanremo, che con il loro successo Ringo Starr si sono classificati terzi nella gara canora più importante d’Italia.



Il gruppo bergamasco è dal 2010 che sforna pezzi che si allontanano dal pop basic e insapore che colora il panorama musicale italiano. Infatti, soprattutto grazie al mix di genio e follia, sono in grado di trasformare scene di vita quotidiana in canzone. Giusto per fare un esempio, il pezzo longilineo del Tetris è paragonato a una persona che aspetti da una vita e che quando arriva finalmente risolve tutti i problemi, proprio come quando nel gioco sei prossimo al game over e arriva lui, immenso, a salvarti la vita: il rettangolone lungo e azzurro!

Bisogna dire che a Sanremo fra giochi di parole e figure retoriche si sono superati, tanto da chiamare in causa Ringo Starr dei Beatles. Si sa che il gruppo britannico è leggenda, che ha segnato la storia del pop e che ha aperto la strada a numerosi artisti. Tuttavia, tutti si ricordano soltanto di Paul McCartney e John Lennon, ma what about Ringo Starr e George Harrison? Ebbene, i Pinguini si sono focalizzati sul batterista, da sempre “un passo indietro” rispetto agli altri (cit. Amadeus).

Per quanto il brano sia allegro e molto orecchiabile, concentrandosi meglio se ne coglie anche il lato più profondo. Il jingle In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr ci ricorda che l'iceberg non è composto soltanto dalla punta e che, ognuno di noi, per quanto si possa sentire inutile, occupa un pezzettino importante in questo marasma indecifrabile chiamato mondo. Fra le righe della canzone emerge anche tanta amarezza in ambito amoroso, fra l'essere sempre la ruota di scorta di qualcuno e gli amici che ormai si sposano e hanno in mente grandi progetti. In tutto ciò i Pinguini cosa fanno? Si arrabbiano se non indovinano all'Eredità (Ed io mi in****o se non indovino all’Eredità). Che poi diciamocelo, quando si sbaglia alla ghigliottina la voglia di spaccare un piatto è immensa!


Dunque, in questo mondo di fenomeni e di persone realizzate, la soluzione è ballare e liberare la mente o, nel dubbio, ricominciare una vita da zero in Africa. La prima opzione è sicuramente la meno drastica, nonché la più facile da realizzare: basta dedicarsi del tempo e uscire dalla routine senza farsi schiacciare dalle pressioni sociali. A parole sembra tutto facile, ma, canticchiando questa canzone, sarà una passeggiata togliere lo spicchio marcio della mela e tenere soltanto la parte splendida splendente. E ora direi che siete pronti per gustarvi la canzone e il video!




Fonti (immagini):
- @pinguini_tattici_nucleari/ Instagram
- Pinguini Tattici Nucleari Band Sticker By Skills Comunicazione
- Immagine di copertina: pagina facebook @pinguinitattici