L'elettricità che accende i neuroni

Quanto sarebbe bello imparare, se non senza sforzo, almeno con qualche aiuto, che ci faccia fare meno fatica o risparmiare un po’ di tempo?
Ad esempio con apparecchiature attaccate alla testa … tipo un casco, una cuffia, che mandano segnali elettrici in modo non invasivo e soprattutto indolore!

Grosso modo è proprio quello che hanno provato a fare il Dr Roi Cohen Kadosh e colleghi dell’università di Oxford, grazie ad una tecnica di stimolazione non invasiva e indolore, la TRNS ( Transcranial Random Noise Stimulation, che si può tradurre con “stimolazione transcranica con rumore casuale”).

Questi scienziati hanno testato le prestazioni matematiche di volontari a cui sono stati messi elettrodi posti in ben precise zone del cranio, in modo tale che la corrente potesse attivare specifiche aree del cervello.

I risultati dei loro studi pubblicati nel 2013 indicano che si ha un potenziamento nei tempi di risposta per i soggetti che hanno ricevuto la TRNS. E gli effetti perdurano nel tempo! Almeno fino a 6 mesi dopo il trattamento …

Per arrivare a questa conclusione, questi ricercatori hanno innanzitutto diviso i volontari in due gruppi:
il gruppo che avrebbe ricevuto per davvero la TRNS per 20 min al giorno per una settimana circa e quello di controllo.
In questo modo hanno potuto distinguere anche l’influenza dell’effetto placebo, effetto famoso che implica modifiche ottenute per semplice convinzione di essere sottoposti ad una qualche terapia che dia dei benefici, anche senza esserlo per davvero.
L’effetto placebo è di provata esistenza anche se agisce su molti, ma non su tutti.
Ad ogni modo grazie ai due gruppi è stato possibile valutare gli effetti reali della TRNS.

La protagonista è la corrente elettrica, come fa notare Cohen Kadosh: “per far transitare l’informazione, i neuroni hanno bisogno di essere accesi e necessitano di una precisa soglia elettrica.
L’elettricità è in grado di cambiare di un poco le soglie  dei neuroni, ciò aumenta la probabilità che i neuroni si accendano, il che fondamentalmente aumenta la probabilità che la regione del cervello vada a comunicare con altre regioni del cervello.”

I tempi di risposta erano migliori per il gruppo che ha ricevuto la TRNS rispetto “quello placebo”, e l’effetto durava nel tempo, come dicevamo, ma non solo: i risultati sono stati migliori anche in risposta a esercizi simili, ma nuovi. Quindi un reale miglioramento!

Cohen Kadosh puntualizza però due cose:
1.    La prima è che al momento i test sono stati fatti  e valutati nell’ambiente controllato del laboratorio, e quindi sono ancora lontani dall’avere ricadute sociali e pratiche.
 Anzi … sconsiglia di provarla a casa, sebbene sia curioso che online alcune aziende abbiano già messo in vendita dei kit fai da te (non regolati da norme ) per la TRNS. 

2.    La seconda è una questione etica:
Chi dovrebbe beneficiarne?
Giovani? Anziani? Chi ha basse capacità matematiche o chi le ha elevate? Chi ha subito dei danni? E in che modo? Gratuitamente o meno.

VIDEO - Brain hacking: Can brain stimulation make you smarter? | con Roi Cohen Kadosh | TEDxBrixton




Domande che è bene porsi fin d’ora sebbene alquanto preventivamente. Di cose da capire e indagare ce ne siano ancora molte, come dice apertamente Christian Ruff, professore al Politecnico federale di Zurigo.
Non c’è l’assenza di rischi. Il miglioramento neuronale significa anche degenerazione neuronale, poiché se si migliora la funzione di sistema cerebrale, altri sistemi cerebrali potrebbero trovare più difficile farsi ascoltare in questa orchestra dentro le nostre menti.”

Ma del cervello molto è ancora ignoto, come sconosciuti sono anche gli effetti della TRNS su zone sbagliate del cervello.
E l’individuazione di queste zone, come anche di quelle giuste, non è facile.
“ Persino nella cognizione numerica” conclude  Dott. Cohen Kadosh “se si prendono persone con elevate abilità numeriche e altre con basse abilità numeriche, queste avranno regioni cerebrali differenti che saranno impegnate nei medesimi compiti numerici.”

Dovremo imparare sudando ancora per  un po’… shake your mind!


PER APPROFONDIRE:

- ) < < Horizon magazine > >
Transcranial electrical stimulation - boosting the brain using batteries << Horizon magazine>>

-)  < < LeScienze  > >
Elettricità matematica 

-) < < Cell > >
Long-Term Enhancement of Brain Function and Cognition Using Cognitive Training and Brain Stimulation 

FOTO
- )  https://neurobollocks.wordpress.com/2014/06/07/transcranial-direct-current-stimulation-dont-try-it-at-home/
- ) http://rheum.med.ufl.edu/2014/03/28/transcranial-direct-current-or-repetitive-magnetic-stimulation-for-fibromyalgia-pain/
- ) http://www.oxfordmail.co.uk/news/9506732.Help_at_hand_for_maths_problems/