Immagine Header

Italvolley: dalle giovanili alla nazionale senior, il punto della situazione

L’estate sta finendo, diceva una canzone famosa degli anni Ottanta, ma per le nazionali di volley maschile e femminile la stagione e gli appuntamenti davvero importanti stanno per arrivare e la bella stagione è servita per prepararsi al meglio.

Insieme alle nazionali senior, sono quelle giovanili le vere protagoniste di questi ultimi giorni.

Il risultato più incredibile è il titolo di Campionesse del Mondo per le ragazze dell’Italvolley targato Under 18. È il primo titolo mondiale, arrivato dopo un percorso praticamente perfetto, dove le ragazze di Mencarelli hanno perso solo due set lungo tutto il loro cammino. Le azzurrine hanno travolto tutte le avversarie, compresi gli USA in finale, registrando un ottimo 3-0. E se la soddisfazione per questo risultato è stata tanta, i premi individuali per Enogu (MVP del torneo e migliore schiacciatrice) ed Orro (miglior palleggiatrice) sono la ciliegina sulla torta. Proprio le due ragazze, già protagoniste nel World Grand Prix con la nazionale senior di Bonitta lo scorso luglio, prenderanno parte anche al mondiale di categoria Under 20, in scena a Porto Rico a settembre.



I ragazzi dell’Under 19, invece, registrano un buon quinto posto nel mondiale andato in scena in Argentina. Nei quarti di finale sono stati fermati da un temibile Iran, anche se ci avevano creduto fino alla fine: i ragazzi di Barbiero erano avanti per due set a zero e hanno guidato la partita fino alla metà del terzo parziale, poi la luce si è spenta e l’Iran è salito in cattedra, vincendo per 3-2. Gli azzurrini sono però riusciti a superare per 3-0 il Brasile, classificandosi quinti: un buon risultato dopo l’argento europeo di qualche mese fa, conquistato dallo stesso gruppo.

Sesto posto per le azzurre guidate da Cristofani nel mondiale di categoria Under 23, svoltisi in Turchia. L’Italia è superata per 3-0 dalla Cina, che, in questo modo, si piazza al quinto posto. Magra è la consolazione del premio individuale andato a Bonifacio, eletta una dei due migliori centrali della competizione.

Per la nazionale Under 23 maschile, invece, c’è ancora la speranza di raggiungere il podio. I ragazzi di Totire, impegnati nel mondiale di categoria in svolgimento negli Emirati Arabi, hanno raggiunto la semifinale, dove sono stati fermati dalla Russia con una sconfitta per 3-0. Domani affronteranno Cuba per cercare la medaglia di bronzo.



Gli azzurrini Under 21, invece, inizieranno il loro mondiale a settembre in Messico.

Per quanto riguarda le nazionali senior, invece, gli appuntamenti davvero salienti sono alle porte: la nazionale femminile è al lavoro a Roma, per preparare al meglio l’Europeo che si svolgerà dal 26 settembre al 4 ottobre in Olanda.

La nazionale maschile è in procinto per partire per il Giappone: dal 8 al 23 settembre sarà impegnata nella World Cup, torneo che regala i primi pass per le prossime Olimpiadi. Per questo appuntamento Blengini ha convocato Giannelli e Sottile nel ruolo di palleggiatori; Zaytsev e Vettori opposti; Antonov, Massari, Juantorena, Lanza schiacciatori; Piano, Buti, Anzani e Mengozzi centrali; Rossini e Colaci liberi.

L’Italia, una nuova versione targata Blengini, si è testata negli ultimi giorni con due amichevoli di alto livello contro l’Argentina. La prima, in scena a Trento, ha registrato una buona prestazione di tutta la squadra, vincente per 3-0. Si sono distinti, in particolare, Juantorena e Zaytsev, vere punte di diamante di questa nazionale. La squadra titolare, o almeno nell’idea di Blengini, vede Giannelli in cabina di regia opposto a Zaytsev (tornato nel suo ruolo originale), Juantorena e Lanza schiacciatori, Colaci libero super confermato e Piano e Buti coppia di centrali (rientrati entrambi da un infortunio alla schiena). La brutta notizia, però, è che il capitano Emanuele Birarelli non prenderà parte alla spedizione nipponica perché fermato da una lombosciatalgia che già l’aveva fermato in Brasile durante le finali di World League. Per sostituirlo è stato convocato Stefano Mengozzi, mentre il ruolo di capitano sarà affidato a Simone Buti.



La stessa partita si è ripetuta a Verona, dove è stata l’Argentina a superare l’Italia per 3-1. Blengini ha dato spazio a tutti i suoi giocatori, tenendo a riposo Juantorena e, per la maggior parte della gara, anche Zaytsev. Era importante valutare lo stato di forma di tutti, poiché in Giappone saranno necessari vari turn over, dati i ritmi serrati del torneo. I presupposti sono buoni, non resta che attendere l’8 di settembre, quando l’Italia esordirà contro il Canada.

Stay tuned e sempre #ForzaAzzurri!