Immagine Header

Superlega: Civitanova regina d’inverno

Si è concluso il girone di andata della Superlega e con esso arrivano i primi verdetti di questa stagione e le prime importanti battaglie per le coppe che contano.
 
Il big match di giornata si è giocato al PalaPanini a Modena, dove l’Azimut è riuscita ad avere la meglio sulla Lube Civitanova al tie break (3-2), dopo una gara davvero incerta e al cardiopalma e uno scontro di altissimo livello tra gli opposti Sokolov e Vettori. I cucinieri incassano una sconfitta indolore, il primato della classifica è ancora nelle loro mani, dato che Trento, impegnata a Molfetta sul difficile campo pugliese, è riuscita a spuntarla solo al quinto set (3-2), perdendo un punto importante per strada. La Diatec, comunque, conquista la seconda piazza, un risultato eccellente per le premesse di inizio stagione.

Subito dopo il trittico di testa si trova Perugia, che ieri non ha sbrigato la pratica Milano velocemente (3-0). I meneghini si trovano ad essere fanalino di coda, dopo gli ingenti investimenti per quest’annata che si prospettava molto migliore di com’è andata finora. L’altra squadra lombarda, Monza, si arrende a una Piacenza scatenata e determinata a tenersi stretto il proprio quinto posto (3-1).



Verona mette la testa fuori dalle sabbie mobili in cui è caduta, battendo nettamente Padova (3-0), alle prese con un momento davvero difficile, con scarsità di risultati e un blocco dopo un inizio di campionato brillante. La Calzedonia dovrà affrontare il girone di ritorno con diverso spirito e animo, se vorrà dimostrare quello che vale davvero.

Tiratissime, invece, le partite a Ravenna e Latina, in cui le formazioni di casa hanno avuto la meglio dopo una lunghissima battaglia, conclusasi solo al quinto set: la Bunge Ravenna ha affrontato Sora (3-2), che ormai si è scrollata di dosso l’etichetta di neo promossa ed è in crescita, come dimostrano i risultati positivi ottenuti nelle ultime giornate; Spirito e compagni sono andati sotto di due set, prima di reagire e trovare una vittoria importante per la classifica e per l’umore. Anche Latina riesce a spuntarla dopo una strenua guerra contro Vibo Valentia (3-2) e gli effetti di Bagnoli sulla panchina dei pontini cominciano a essere visibili, il primo e determinante è l’abbandono dell’ultima piazza in classifica.



La fine del girone di ritorno significa anche l’inizio delle gare che metteranno in palio la Coppa Italia: la griglia è ormai certa, con le prime quattro formazioni classificate (Civitanova, Trento, Modena e Perugia) che accederanno direttamente ai quarti di finale, mentre Piacenza, Verona, Monza, Vibo Valentia, Padova, Ravenna e Sora dovranno scontrarsi agli ottavi di finale. Il via a questa competizione è previsto per mercoledì e giovedì 14 e 15 dicembre, mentre la finale sarà giocata a Casalecchio di Reno (BO), il 28 e 29 gennaio.




#shakeyourmind