Immagine Header

Superlega: Lube nuova capolista

Mancano ormai poche gare al termine del girone di andata e la griglia che ne scaturirà deciderà le squadre che avranno accesso alla Coppa Italia, motivo per cui tutte le partite sono importanti e decisive. Il livello di questa Superlega è decisamente alto e ogni turno regala nuove sorprese. La novità più eclatante è Trento che ha perso l’imbattibilità e il ruolo di capolista, per la sconfitta per 3-1 nel recupero della quinta giornata contro Piacenza. La nuova regina è i nuovo Civitanova che, cancellato la brutta prestazione proprio contro i dolomitici, ha infilato un secco 3-0 a Verona, che sprofonda nella sua crisi di risultati. Il primo e secondo set persi a quindici punti sono la spiegazione perfetta del tunnel nero in cui è finita la Calzedonia, che ora dovrà cercare un modo per tirarsi fuori dalle sabbie mobili.
L’altro big match di giornata è andato in scena in un PalaPanini colmo in ogni ordine e fila, in cui i beniamini di casa di Modena hanno battuto Trento (3-2) dopo una battaglia accesissima. Ngapeth è tornato dall’infortunio agli ordini di coach Piazza e ha dato la scossa che serviva alla squadra per riprendersi dopo le due sconfitte consecutive, mentre Trento ha forse accusato il colpo della brutta gara giocata a Piacenza. Niente di grave per i ragazzi di Lorenzetti, che rimangono a un punto dalla cima della classifica.
Ravenna torna a sorridere e lo fa a scapito di una non brillante Milano (3-0), che tuttavia ha recuperato totalmente Skrimov e Starovic, ma non pare aver trovato ancora una quadra in questo campionato, fatica ad affermarsi.


La sfida tra neo promosse se l’aggiudica Sora (3-2), che, in vantaggio di due set, non ha saputo chiudere prima e guadagnarsi i tre punti, ma è stata brava a non perdere lucidità nel quinto set, sorprendendo una ormai lanciata verso la vittoria Vibo Valentia.
L’anticipo di giornata è stato giocato venerdì sera, con Monza (3-1) che si è affermata su Molfetta, incapace di ripetere l’impresa della scorsa settimana contro Modena. Monza si riprende dopo il 3-0 subito contro Perugia e trova in Fromm il suo uomo di sicurezza.


Padova, orfana del palleggiatore Shaw e di Averill, si scioglie contro una Piacenza davvero in forma (3-0), in cui il trio di cubani Hernandez-Hirriezuelo-Marshall fanno fuoco e fiamme in campo, ancora esaltati per la bella vittoria senza sbavature contro Trento.
Chiuderà il turno Perugia contro Latina mercoledì 23/11, a causa degli impegni di Champions League dei Block Devils che ieri hanno esordito al PalaEvangelisti, portando a casa la vittoria e, soprattutto, il passaggio alla fase a gironi.