Immagine Header

Superlega: Modena campione d’inverno, Trento: che cuore!

Domenica 13 dicembre è finito il girone di andata di questo strano campionato, compresso a causa della lunga stagione che aspetta le nazionali, in vista delle Olimpiadi di Rio de Janeiro. È tempo dei primi verdetti: Modena si laurea simbolicamente campione d’inverno, in vetta alla classifica in solitaria, approfittando della sconfitta di Civitanova a Trento.

Martedì 8 dicembre, intanto, si è giocato l’ennesimo turno infrasettimanale. Di seguito i risultati: Cucine Lube Banca Marche Civitanova – Gi Group Monza 3-0; DHL Modena – CMC Romagna 3-1; Calzedonia Verona – Diatec Trentino 2-3; Sir Safety Conad Perugia – LPR Piacenza 3-0; Exprivia Molfetta – Ninfa Latina 3-2; Revivre Milano – Tonazzo Padova 1-3.

DIATEC TRENTINO – CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA 3-2 (23-25, 21-25, 25-23, 25-16, 16-14)

Tutti i riflettori erano puntati su questa partita, una vera e propria classica della pallavolo moderna, che non ha deluso le aspettative in quanto a spettacolarità. Il primo set è stato equilibrato, chiuso su una decisione arbitrale un po’ dubbia. Il secondo parziale Trento è crollata nella parte centrale, ma poi, sostenuta dal centrale Mazzone, si è resa protagonista di una rimonta che, però, non è servita. Con Civitanova avanti 2-0 e a guidare anche il terzo set i giochi sembravano chiusi, ma Trento ha la particolarità di lottare fino in fondo e ribalta il risultato da 20-18 in favore degli avversari a 25-23. Il quarto venticinque la Lube rimane spiazzata dal ritorno strepitoso dei trentini, che hanno vita facile. Nel tie break Civitanova è sempre in vantaggio e sul 14-12 ha in mano la palla del set, ma Trento strappa il break decisivo di 4-0 per portarsi a casa il risultato. Il PalaTrento, quindi, rimane imbattuto; Trento si conferma terza forza del campionato e la Lube scivola al secondo posto.

TONAZZO PADOVA – DHL MODENA 0-3 (20-25, 18-25, 23-25)

Modena conquista i tre punti e si laurea campione d’inverno. La partita non è stata mai in discussione, sempre ben controllata dai modenesi, con i primi due set che finiscono facilmente nelle mani di Bruninho e compagni. Il terzo parziale, invece, Padova tiene testa fino alla fine: quando è in vantaggio di 22-19, Modena sale in cattedra e va a vincere.


GI GROUP MONZA – CALZEDONIA VERONA 1-3 (25-21, 23-25, 21-25, 22-25)

Per Verona una vittoria piena che regala il record dei punti fatti nel girone di andata da quando è in serie A (24, a pari merito di Perugia e Trento). Il primo set è combattuto, con Monza che fa la differenza a muro e a Verona non basta un buon cambio palla. La Calzedonia spinge sull’acceleratore, con i padroni di casa che riescono a controbattere a dovere solo in alcuni frangenti. Monza torna in campo grintosa e per metà parziale le due squadre battagliano, poi Verona fa la voce grossa a muro e Monza si spegne. Stessa storia nel quarto: avvio in equilibrio, poi è Verona a imporre il proprio gioco e a vincere la gara.

NINFA LATINA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 0-3 (22-25, 22-25, 19-25)

La partita è stata più equilibrata di quanto dicano i parziali, ma Perugia è stata più cinica nei momenti decisivi e ha potuto contare sulle buone prove di Atanasijevic, Russell e De Cecco. Solo nel terzo set Latina è crollata sotto i colpi dell’opposto serbo, indomabile. Ai pontini non è bastato un Sottile ispirato e il lavoro costante della difesa per arginare il potere perugino.

LPR PIACENZA – EXPRIVIA MOLFETTA 0-3 (22-25, 20-25, 12-25)

Decima sconfitta consecutiva per Piacenza, che evidenzia la crisi nera della società emiliana. Molfetta si impone nettamente grazie a una buona prova di squadra, mentre Piacenza arranca per la ricezione che non funziona e la battuta che non fa male all’avversario.

CMC RAVENNA – REVIVRE MILANO 2-3 (25-20, 25-15, 21-25, 22-25, 12-15)

Prima vittoria della stagione per Milano, che sotto di 2 set rimonta i romagnoli e può festeggiare, finalmente. Il protagonista assoluto è Skrimov, che dal terzo set in poi ha fatto la differenza per la sua Milano. La Revivre balbetta per due set, con la ricezione che non funziona e crolla sotto i colpi di Van Garderen e Torres. Nel terzo parziale Milano pare più concreta, ma il break decisivo arriva con Skrimov in battuta che si trasforma nella vittoria del set. Ed è sempre il bulgaro ad affossare una CMC che parte bene, ma poi si perde, lasciando Milano agganciare un tie break insperato. La Revivre guida anche nel quinto e riesce a non subire il ritorno dei romagnoli, festeggiando due punti importanti.




La notizia rilevante di questo turno è, in realtà, la definizione della griglia dei quarti di finale di Coppa Italia (a cui accedono le prime 8 squadre in classifica):

DHL Modena – Gi Group Monza

Cucine Lube Banca Marche Macerata – Ninfa Latina

Diatec Trentino – Exprivia Molfetta

Sir Safety Conad Perugia – Calzedonia Verona

Le squadre si sfideranno il 22 dicembre per la partita di andata e il ritorno è previsto il 14 gennaio. Le vincenti andranno a giocarsi il trofeo al forum di Assago di Milano (6-7 febbraio 2015).

Domenica 22 dicembre, intanto, si giocherà la prima giornata di ritorno: saranno le ultime partite del 2015, poi il campionato si fermerà per la pausa natalizia che vedrà in campo le nazionali nel torneo valido per la qualificazione olimpica (l’Italia è già qualificata, quindi non parteciperà).

Stay tuned!