Immagine Header

Superlega: Verona che tonfo, la Lube regina

La seconda giornata di andata di Superlega si è conclusa ieri e ha portato con sé qualche sorpresa, con le big che hanno sofferto più delle previsioni del pronostico. 
La classifica, dettaglio interessante, è spaccata in più parti, con le prime quattro squadre racchiuse in quattro punti e ben nove di differenza tra Perugia quarta forza e Verona. La stessa cosa succede al fondo della classifica, dove sei squadre si contendono la nona piazza a distanza ravvicinata. 

Il risultato più sorprendete del weekend è quello di Modena, che vince 3-2 su Milano, ma solo dopo essere andati in svantaggio di due set, faticando e non poco per non perdere punti importanti per strada. Come al solito, è stata la stella dei canarini Ngapeth a togliere le castagne dal fuoco e portare i suoi alla vittoria.

Civitanova, invece, suda le proverbiali sette camicie, ma riesce a guadagnare i tre punti contro una Piacenza mai doma (3-1), che ci prova fino alla fine ad allungare la partita al tie break. La Lube continua a guidare questa Superlega, ma inseguita a sole due distanze da Trento e Modena.

Trento conclude con un sorriso l’anticipo di venerdì sera: dopo aver perso contro la Cenerentola Vibo Valentia, non commette lo stesso errore con Sora (3-1) e porta a casa tre punti essenziali per la rincorsa alla testa della classifica. Perugia comincia male la gara a Padova, ma raddrizza il match in proprio favore dopo il primo set (3-1), con i patavini che scivolano in fondo alla classifica, a soli due punti dall’ultima posizione, confermando lo stato di crisi in cui si trovano.



Verona dopo aver perso gli ottavi di finale contro Vibo Valentia ha dovuto affrontare le dimissioni dell’allenatore Giani, che in settimana sarà sostituito da Nikola Gbric. Gli scaligeri accusano il colpo e si sgretolano al PalaPoli, di fronte a una Molfetta scatenata, guidata dal solito Sabbi (3-0).

Latina abbandona provvisoriamente il titolo di fanalino di coda, cedendolo a Sora e mettendo in campo un super Fei, che ha siglato ben 26 punti e portato alla vittoria la sua Top Volley contro Ravenna (3-1), che si ferma a due punti dalla zona playoff.



Chiudono il turno Monza e Vibo Valentia, alla quale non riesce l’impresa della scorsa settimana e torna a casa con la bocca asciutta. I lombardi si affermano per 3-1, volano in settima posizione e possono sognare il quinto posto, distante solo tre punti.

Il prossimo turno si giocherà il giorno di Santo Stefano, mentre il turno di ottavi di finale di Coppa Italia si è giocato in settimana, definendo, così, gli accoppiamenti dei quarti di finale, che saranno giocati a gennaio.



Per i risultati degli ottavi di finale di Coppa Italia: http://www.legavolley.it/Calendario.asp?Anno=2016&IdCampionato=661

Per la griglia dei quarti di finale di Coppa Italia: http://www.legavolley.it/Risultati.asp?Anno=2016&IdCampionato=661

#shakeyourmind