Immagine Header

Superlega: vincono bene Trento e Modena, fatica Civitanova e Verona crolla nuovamente in casa

Manca solo una settimana a Volleyland, l’evento organizzato dalla Lega Pallavolo Serie A a Milano, in cui Modena, Trento, Perugia e Civitanova si sfideranno per aggiudicarsi la Coppa Italia. Le squadre, quindi, sono sì impegnate in campionato, ma vedono molto vicino il primo grande appuntamento del 2016: la giornata andata in scena ieri (la quarta di ritorno) è stata utile per cogliere segnali sia sulla propria condizione che su quella degli avversari.

Trento sbriga la pratica Piacenza in un’ora e si dimostra in forma, Modena fatica a imporsi su Monza, ma infine ha la meglio in tre set, mentre Civitanova e Perugia, sulla carta favorite, hanno bisogno di battagliare per cinque set prima di battere rispettivamente Padova e la CMC Romagna. Verona, invece, subisce un altro brutto stop casalingo, proprio come avvenuto la settimana scorsa.

LPR PIACENZA – DIATEC TRENTINO 0-3 (14-25, 17-25, 15-25)

Una Piacenza sempre più in crisi (si parla anche di sospensione di stipendio per i giocatori, per motivarli a fare qualcosa di più) nulla può contro una Trento in forma e compatta, in cui spicca su tutti Giannelli (MVP della gara), che si esalta a smistare il gioco tra tutti i suoi attaccanti. Trento supera in ogni fondamentale Piacenza, si lascia alle spalle poche sbavature e dà dimostrazione di una bella prova corale: un ottimo risultato in ottica della semifinale di Coppa Italia contro Civitanova, utile anche per rimanere attaccata alla testa della classifica.

CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA – TONAZZO PADOVA 3-2 (20-25, 25-22, 25-14, 20-25, 17-15)

La Lube deve sudare e non poco per strappare questa vittoria: il conto ammonta a cinque set e due ore e mezza di gioco per avere la meglio su una Padova che già aveva messo in difficoltà Trento, qualche settimana fa. Addirittura nel tie break i cucinieri si trovano a dover annullare due match point ai patavini, trascinati da uno scatenato Giannotti. Tra le file di Civitanova occhi puntati su Priddy, neo acquisto della società marchigiana e campione olimpico del 2008, che ha debuttato nel secondo set, creando il break decisivo alla vittoria del parziale. Civitanova perde così un punto per strada: ringraziano Modena (che allunga proprio sui biancorossi il vantaggio a due punti) e Trento (ora a meno tre dalla seconda posizione).


DHL MODENA – GI GROUP MONZA 3-0 (25-22, 25-22, 28-26)

A Modena il risultato non rende giustizia a una partita piuttosto combattuta (più del previsto), dove i padroni di casa sono riusciti a imporsi grazie alla maggiore esperienza e alla classe dei giocatori in campo (Vettori, in formissima, su tutti, ben coadiuvato da Lucas). Monza difende tanto e ci crede, ma spreca troppo nei momenti decisivi e manca di lucidità: è in questi frangenti che i canarini rifilano ai brianzoli la zampata decisiva e vanno a vincere, portando a casa tre punti importantissimi per la classifica.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CMC ROMAGNA 3-2 (27-29, 22-25, 25-23, 25-17, 15-11)

La CMC era a un passo dal compiere una vera e propria impresa: espugnare il PalaEvangelisti e tornare a vincere, regalando un sorriso ai propri tifosi (solo una vittoria nelle ultime otto partite). Un Torres fenomenale (33 punti per lui a fine partita) trascina la CMC alla vittoria dei primi due set e anche il terzo sembrava indirizzato in terra romagnola, ma il muro perugino ha allungato la serie e infine Atanasijevic e Fromm hanno firmato la rimonta della Sir. Perugia supera così Verona in classifica di un punto (quarta posizione per i ragazzi di Kovac), approfittando del black out degli scaligeri.

EXPRIVIA MOLFETTA – REVIVRE MILANO 3-0 (25-21, 25-20, 25-21)

Una bella prova di squadra quella di Molfetta, che ha affrontato con determinazione i tentativi di una Milano in crescita. Tra le fila di Molfetta, a fare la differenza, è stato l’opposto Hernandez che ancora una volta si è dimostrato il trascinatore dell’Exprivia e ha portato i suoi a vincere; ha messo a segno ben 23 punti, dopo aver ritirato il premio di MVP del mese di dicembre.


CALZEDONIA VERONA – NINFA LATINA 2-3 (25-22, 22-25, 18-25, 25-19, 13-15)

Verona, a distanza di una settimana, perde di nuovo in casa e nuovamente al tie break; in questo modo viene sorpassata da Perugia in classifica, scivolando in quinta posizione. Una gara combattuta, in cui Latina ha sbagliato di meno e ha murato di più e bene: questi elementi si sono trasformati nella chiave di volta della partita, così come un rocambolesco recupero nel quinto set a opera di Hirsch (da 6-1 per Verona al pareggio). Ancora una volta ai ragazzi di Giani è mancato quel qualcosa in più, quella lucidità e freddezza da sfoderare nei momenti caldi. Latina, per contro, porta a casa due punti pesantissimi e si insinua in settima posizione, a soli tre punti dalla sesta Molfetta.


In vista della pausa del campionato dovuta alla Final Four di Coppa Italia, mercoledì 3 febbraio ci sarà un turno infrasettimanale, in cui le luci della ribalta saranno tutte puntate sul big match tra Civitanova e Perugia e il cui risultato avrà ripercussioni sulla classifica e sarà importante anche come prova generale in previsione del weekend milanese.




Shake your mind!