Immagine Header

Volley: gioie e dolori per le due nazionali

Il weekend appena trascorso ha visto impegnate entrambe le nazionali di volley: quella maschile ha iniziato il proprio percorso in World League a Sidney, in Australia, mentre le donne sono state coccolate dal pubblico di casa, e caldissimo, di Bari, nella seconda tappa del World Grand Prix.

A livello di risultati, il bottino raccolto racconta di gioie e dolori: i ragazzi di Blengini sono stati sconfitti dalla Francia campione in carica all’esordio, ma hanno poi raccolto due vittorie nette contro Belgio e i padroni di casa dell’Australia, successi molto importanti a livello di classifica per poter sperare nelle Final Six di Cracovia. Le azzurre di Bonitta, invece, sono incappate in tre sconfitte che le allontanano dalle fasi finali thailandesi.

La squadra maschile ha affrontato il suo primo impegno della stagione e si è visto: il gruppo è ancora in fase di assestamento, la forma ottimale è lontana e Blengini ha dato spazio ad alcuni esperimenti in campo. La novità più importante è l’utilizzo di Ivan Zaytsev da schiacciatore e non da opposto (ruolo che ha coperto fino alla fine di questa stagione), permettendo così di sfruttare un terminale offensivo importante come Luca Vettori. A Sidney si sono viste cose belle e alcune meno belle, ma assolutamente nella norma in un gruppo in costruzione, che ha affrontato nazionali già ben rodate: Francia e Australia, infatti, sono reduci dal torneo pre olimpico di Tokyo. La World League, comunque, come dichiarato da Blengini, è un banco di prova per le Olimpiadi, che servirà al ct per fare le sue scelte, anche se l’obiettivo prefissato sono le fasi finali in Polonia.



Discorso diverso per la nazionale femminile, che a Bari è incappata in tre sconfitte: risultato piuttosto duro per una squadra che ha fatto vedere di che pasta è fatta e ha messo in difficoltà le campionesse europee russe e le loro vice olandesi. Il risultato più deludente è arrivato con la Thailandia: la partita è stata sospesa venerdì sera a causa di un blackout nel palazzetto e recuperata stamattina, quando le energie sono mancate, dopo la bella prestazione di ieri contro la Russia.
Anche Bonitta sta sperimentando le possibilità della sua squadra, che, oltretutto, è molto giovane: il sestetto che scende in campo varia da giornata a giornata, in modo che l’allenatore faccia le sue riflessioni in chiave olimpica. È curioso il fatto che questo gruppo molto giovane sia allo stesso tempo multietnico e “colorato”, come lo hanno definito le ragazze stesse. Valentina Diouf, Miriam Sylla e Paola Egonu, infatti, hanno origini in diversi paesi dell'Africa, mentre Ofelia Malinov è italo-bulgara. Da questo mix di atlete giovani e meno giovani nasce un concentrato di talento ed entusiasmo che può fare davvero bene nel presente e, soprattutto, nel futuro.


Risultati di WORLD LEAGUE
 
ITALIA-FRANCIA 0-3 (23-25, 22-25, 18-25)
ITALIA-BELGIO 3-0 (25-15, 25-23, 25-21)
ITALIA-AUSTRALIA 3-0 (25-23, 25-23, 25-20)

Risultati di WORLD GRAND PRIX

ITALIA-THAILANDIA 2-3 (20-25, 25-23, 23-25, 25-19, 11-15)
ITALIA-OLANDA 1-3 (25-19, 23-25, 18-25, 22-25)
ITALIA-RUSSIA 2-3 (25-19, 15-25, 22-25, 25-22, 10-15)

La prossima settimana la nazionale maschile giocherà in casa, a Roma, mentre le ragazze voleranno in Turchia per l’ultimo weekend di sfide prima della Final Six.

Shake your mind!

Foto FIVB