Immagine Header

Volley, Superlega: la Cucine Lube Civitanova è campione d’Italia

Si chiude il sipario sull’edizione 2016/2017 della Superlega, che cuce sulle magliette di Civitanova lo scudetto sul petto.
La serie finale non è stata spettacolare come ci si sarebbe aspettato e auspicato, ma fino in fondo sono arrivate le due squadre che più hanno meritato in questo campionato, anche in regular season: Civitanova è partita con i favori del pronostico fin dall’inizio, mentre Trento è stata una vera e propria rivelazione, sicuramente con un roster inferiore ad altre squadre, ma capace di spingersi quasi oltre i propri limiti. Limiti emersi chiaramente nelle tre gare della finale, dove Civitanova è stata nettamente superiore ai dolomitici, che pure ci hanno provato, per non avere poi dolorosi rimorsi. Forse qualcosa in più avrebbero potuto fare, ma la Lube avrebbe comunque vinto, le capacità tecniche e fisiche e la determinazione dei cucinieri erano superiori a quelle della Diatec, che quest’anno ha raccolto solo secondi posti.


Civitanova torna sul tetto d’Italia dopo tre anni e, soprattutto, dopo un’annata parecchio difficile, la scorsa, dove si è arresa in semifinale a Perugia e mette in cassaforte il quarto scudetto della sua storia, bello perché fatto da una squadra forte, composta da fenomeni sia in campo che in panchina, che ha saputo dimostrare una forza mentale degna di veri campioni. Trento, d’altra parte, si è resa protagonista di una bellissima stagione, partita un gradino indietro alle tre big Civitanova, Perugia e Modena, ma capace di superare le difficoltà con caparbietà e guadagnare un posto, importante, alla prossima Champions League.
Sul campo Civitanova è stata capace di disintegrare ogni velleità di Trento in gara 1 (3-0), aggiudicarsi un difficile tie break al PalaTrento, dopo che la squadra di casa aveva fatto letteralmente i miracoli vincendo il quarto set, ma poi spegnendosi sul più bello (3-2) e imponendo il proprio ritmo di gioco nella decisiva gara 3, soprattutto dopo il terzo set, quando Trento ha provato a riaprire la partita (3-1).




Si chiude una bellissima stagione di Superlega, resa ancora più preziosa dall’entusiasmo del pubblico, che in questa stagione ha invaso tutti i palazzetti italiani, registrando i numeri più alti di presenza degli ultimi anni, forse cavalcando ancora l’onda di esaltazione creata dalle Olimpiadi. La speranza è che questo sia solo un punto di partenza per un’ulteriore crescita. L’attenzione, ora, sarà tutta sulla nazionale, che tra poche settimane comincerà la sua nuova avventura.

Shake you mind!

Fonti foto: https://www.facebook.com/LUBEVOLLEY/