Immagine Header

Volley: World Grand Prix e World League al via

La stagione delle nazionali di pallavolo entra, finalmente, nel vivo: finito il periodo di lavoro con i club, è il momento della maglia azzurra come protagonista.
La nazionale femminile, guidata da Marco Bonitta, ha già affrontato il primo appuntamento cruciale della stagione, ovvero la qualificazione olimpica, uscendone vincitrice e, soprattutto, staccando il biglietto per Rio de Janeiro.
Gli azzurri di Chicco Blengini, invece, hanno avuto molto tempo per preparare gli appuntamenti di questa estate, avendo guadagnato un posto alle Olimpiadi il settembre scorso, grazie al secondo posto in World Cup.
Adesso è tempo per le due squadre nazionali di entrare nel caldo della stagione: a giugno hanno inizio due tornei, molto importanti sia come banco di prova per le Olimpiadi sia a livello di fama, punti nel ranking mondiale e premi in denaro in palio.

Il torneo femminile prende il nome di World Grand Prix, mentre quello maschile si chiama World League. Quest’anno entrambi hanno la stessa formula di svolgimento, perché i tempi sono più stretti e concentrati di altri anni. Le squadre sono suddivise in raggruppamenti di dodici, secondo il ranking mondiale, dove esiste una classifica unica. La competizione si svolge su tre weekend, con diverse sedi,  e in ognuno si tengono 6 incontri, due per ogni giornata; le nazionali partecipanti (dello stesso gruppo)  sono inserite in un girone a quattro, dove vige la regola del round robin, ovvero tutti contro tutti.



L’Italia ospiterà una tappa nel circuito femminile e una in quello maschile: le donne saranno protagoniste a Bari dal 17 al 19 giugno, mentre gli uomini andranno in scena a Roma, dal 24 al 26 giugno. Ecco gli altri appuntamenti delle nostre nazionali:

WORLD GRAND PRIX:
10-12 giugno: Rio de Janeiro, Brasile. Squadre partecipanti: Italia, Brasile, Serbia e Giappone
17-19 giugno: Bari, Italia. Squadre partecipanti: Italia, Russia, Olanda e Thailandia
24-26 giugno: Ankara, Turchia. Squadre partecipanti: Italia, Turchia, Brasile e Belgio

WORLD LEAGUE:
17-19 giugno: Sidney, Australia: Italia, Australia, Francia e Belgio
24-26 giugno: Roma, Italia: Italia, Stati Uniti, Australia, Belgio
1-3 luglio: Teheran, Iran: Italia, Iran, Serbia e Argentina

Al termine di questi gironi le cinque squadre meglio classificate (più il paese organizzatore) accederanno alle Final Six, da cui uscirà il vincitore di entrambe le competizioni. Per quanto riguarda il World Grand Prix le finali saranno a Bangkok, in Thailandia, dal 6 al 10 luglio, mentre la World League vivrà la sua fase finale a Cracovia, in Polonia, dal 13 al 17 luglio.


Entrando nello specifico, Marco Bonitta, ct della nazionale femminile, ha scelto di puntare su una squadra molto giovane, in vista anche delle Olimpiadi, dove metà delle ragazze hanno vent’anni o poco più. Le sue scelte sono state: Ofelia Malinov, Carlotta Cambi, Alessia Orro e Noemi Signorile (palleggiatrici); Serena Ortolani, Valentina Djouf, Nadia Centoni (opposti); Antonella Del Core, Alessia Gennari, Paola Egonu, Anastasia Guerra, Miriam Sylla, Francesca Piccinini, Sara Loda (schiacciatrici); Martina Guiggi, Cristina Chirichella, Laura Melandri e Anna Danesi (centrali); Monica De Gennaro, Ilaria Spirito e Immacolata Sirressi (liberi).

Altro discorso per Chicco Blengini, allenatore degli azzurri, che per la World League ha scelto il solito gruppo, con la novità di qualche innesto, da testare in previsione dei giochi di Rio de Janeiro: Simone Giannelli, Daniele Sottile, Riccardo Sbertoli (palleggiatori); Luca Vettori, Ivan Zaytsev, Giulio Sabbi, Gabriele Nelli (opposti); Osmany Juantorena, Filippo Lanza, Gabriele Maruotti, Oleg Antonov, Jacopo Botto, Michele Fedrizzi (schiacciatori); Simone Buti, Emanuele Birarelli, Enrico Cester, Davide Candellaro, Simone Anzani e Matteo Piano (centrali); Salvatore Rossini e Massimo Colaci (liberi).

Le azzure hanno già cominciato il loro percorso in questo weekend appena passato: il bottino di Malinov e compagne è di due vittorie e una sconfitta, rispettivamente contro Serbia (3-1) e Giappone (3-2), mentre non c’è stato nulla da fare contro le padrone di casa carioca (3-1); le azzurre hanno comunque fatto vedere tante cose buone in questo weekend, a partire dall’atteggiamento entusiasta e grintoso, merito di un gruppo pieno di talento e gioventù. L’Italia, dopo la prima giornata di gare, è sesta in classifica e in questo weekend avrà dalla sua parte un pubblico sicuramente molto caloroso. Gli uomini, invece, inizieranno la propria avventura venerdì contro la Francia, nella terra dei canguri.

Shake your mind!

Foto BonaLore Images e FIVB