Immagine Header

Creme solari: come trovare quella giusta

La crema solare è il prodotto che tutti hanno e portano in spiaggia, ma siete sicuri di scegliere quella giusta? 

Purtroppo, per quanto molte creme in commercio svolgano la loro funzione, evitando scottature e bruciori, la loro composizione ha effetti negativi sulla pelle.

Innanzitutto, le protezioni sono composte da FILTRI UV che si dividono in filtri chimici e fisici: i primi assorbono e convertono la luce in raggi meno dannosi ; i secondi fungono da “barriera” e riflettono la luce del sole.







I FILTRI CHIMICI, per quanto sembrino innocui, sono composti da sostanze che derivano dal petrolio e col calore possono scatenare irritazioni e reazioni allergiche; inoltre, alcuni elementi possono persino interferire con l’attività di alcuni ormoni come gli estrogeni.

Ecco qui una piccola lista di filtri chimici dannosi:

• (4-MBC)Benzophenone-3(Bp-3) o Oxybenzone;
• Ethylhexyl Triazone;
• Diethylhexyl Butamido Triazone;
• Octyldimethyl-PABA (OD-PABA);
• Butyl Methoxydibenzoylmethane;
• Ethylhexyl Salycilate;
• 4-Methylbenzyliden Camphor



Viceversa, i FILTRI FISICI sono più naturali e hanno una struttura meno complessa, dunque sono migliori per la nostra pelle. L’unico difetto è che le creme che li contengono sono molto più dense e formano una patina bianca “antiestetica”, ma meglio sembrare un po’ più “fantasmini” che far del male al nostro organismo!

Alcuni esempi di filtri fisici sono l’ossido di titanio, l’ossido di zinco e il talco.






Un altro accorgimento riguarda le creme resistenti all’acqua, spesso più ricche di derivati del petrolio come:

• Petrolatum;
• Paraffinum liquidum;
• Mineral oil;
• Vaseline

Questi ingredienti occludono la pelle e non le permettono di respirare normalmente, causando inestetismi e, in caso di acne, peggioramenti e livello cutaneo.

La stessa cosa si può dire per i SILICONI, sostanze che non hanno alcuna funzione a livello di idratazione e protezione ma servono a rendere il composto più fluido al tatto. Eccone alcuni esempi:
• Ciclomethicone
• Dimethicone;
• Dimethiconolo
• tanti altri componenti che finiscono in one;





Dunque, per l’acquisto di una protezione solare consiglio vivamente di evitare le marche famose che vendono prodotti di scarsa qualità e a poco prezzo.  Spendete qualche euro in più per un trattamento sicuro, valido ed efficace e il vostro organismo vi ringrazierà! 

Tendenzialmente, i solari ecologici e biologici sono i migliori, sia per noi stessi che per l’ambiente. Li potrete acquistare su internet, nelle erboristerie, nei negozi di prodotti biologici e ultimamente anche nei supermercati più forniti.
Per tutti i solari vale sempre la regola di applicarli spesso sulla pelle, soprattutto se si trascorre un'intera giornata al mare o in piscina.





Un altro aspetto da non sottovalutare per la scelta della crema è l’SPF (Sun Protection Factory), ovvero il grado di protezione solare che va scelto in base al fototipo, il quale si determina in base al tipo di carnagione, al colore degli occhi e dei capelli.


FOTOTIPO 1

capelli: biondi o rossi 
occhi: azzurri/verdi 
carnagione: bianca/lattea con presenza di efelidi 
protezione: necessita sempre di una protezione molto alta (50+), vista la pelle delicata e molto sensibile al sole.




FOTOTIPO 2

capelli: biondi o castano chiaro 
occhi: tendenzialmente chiari 
carnagione: chiara
protezione: la pelle tende ad assumere un colore dorato con l’abbronzatura. I primi giorni si consiglia una protezione 50+ e via via si può diminuire il grado passando per 30, 20 e infine 15











FOTOTIPO 3 (il più diffuso in Italia)

capelli: castani 
occhi: castano scuro 
carnagione: leggermente scura 
protezione: è presente una buona concentrazione di melanina, dunque l'abbronzatura sarà più intensa Anche in questo caso si suggerisce di applicare diversi SPF: durante i primi tre giorni si può usare un filtro medio (SPF 25 o 20), mentre a partire dal quarto giorno si può ricorrere a una protezione bassa (SPF 15 o SPF 10).






FOTOTIPO 4

capelli: castano scuro/nero 
occhi: scuri 
carnagione: olivastra
protezione: le persone con queste caratteristiche hanno un’alta presenza di melanina e si abbronzano dopo poche esposizioni al sole. Si può cominciare con una protezione bassa (SPF 15) e pian piano passare alla SPF 6.





FOTOTIPO 5 

capelli: neri 
occhi: scuri 
carnagione: bruno/olivastra 
protezione: nonostante il bellissimo colore naturale, si consiglia una protezione bassa (SPF 6) per proteggersi dai raggi dannosi.






FOTOTIPO 6

capelli: neri 
occhi: neri 
carnagione: molto scura 
protezione: le persone appartenenti a questo fototipo non cambiano colore con l’esposizione al sole, ma è sempre bene utilizzare una protezione bassa (SPF 6).






E voi, a che fototipo appartenete? Siete dei fantasmini come me o avete una bella carnagione dorata o scura come Beyoncè e Michelle Obama? 

Shake Your Mind!